Una lezione del Mainz per Napoli e Juventus

    Il Mainz riapre la Bundesliga.

    In un incredibile mercoledì di calcio dalla Germania ci arriva un importante lezione: vincere si può, contro tutto e tutti.

    Di: Jhonny Green

    Chi ieri ha seguito le partite di Premier League, Bundesliga e Tim Cup non avrà bisogno di visite cardiologiche per almeno due anni, visti gli incredibili risultati registrati sui campi più importanti d’Europa. Il Tottenham cade ad Upton Park fallendo l’aggancio alla vetta; stessa sorte per l’Arsenal che esce con le ossa rotte davanti ai suoi tifosi, è 1-2 all’Emirates Stadium e terza sconfitta interna per i ragazzi di Wenger. Non solo Premier però, anche la nostra Tim Cup ha regalato emozioni.

    A San Siro l’Inter si mette in testa di ribaltare il 3-0 rimediato allo Juventus Stadium e di giocarsi una finale tutta meneghina. La “remuntada” è riuscita solo per metà: in 90 minuti i padroni di casa si portano sul 3-0, ma poi capitolano ai rigori. Infine arriviamo al match chiave della serata, Bayern Monaco-Mainz.

    All’Allianz Arena Guardiola si presenta con Benatia e Ribery schierati nei primi undici. Il primo era assente da circa tre mesi, mentre l’esterno francese non partiva titolare dal 27 Febbraio 2015. Dopo 26 minuti di assalti bavaresi, al primo contropiede Samperio realizza la marcatura su assist di Giulio Donati.

    Guardiola corre ai ripari facendo entrare Müller e Douglas Costa; fino a quel momento l’unico tedesco in campo era Neuer, non accadeva dal 2005. Al 63′ riesce a pareggiare Robben, ma nel finale arriva il colpo di grazia di Cordoba che fissa il risultato sull’1-2. Un gol pesantissimo, che interrompe una striscia di 11 vittorie casalinghe in stagione. La corazzata, la squadra imbattibile crolla in casa, battuta dalla piccola squadra della città di Magonza. La sconfitta del Bayern Monaco riapre la Bundesliga visto che, a pochi giorni dallo scontro diretto con il Borussia Dortmund, i ragazzi di Tuchel (ex allenatore del Mainz) sono a -5 dalla vetta.

    Bayern Monaco Mainz

    Della vittoria del Mainz dovrebbero farne tesoro Juventus e Napoli. La prestazione di ieri diventa una vera e propria lezione di “approccio alla gara”. Con la giusta motivazione, riuscendo a fare il proprio gioco senza timore e arroganza si riescono a vincere anche partite impossibili. Tra due settimane Allegri potrà dimostrare d’aver “preso appunti” e magari superare “l’esame” degli ottavi di Champions League. Il Napoli ha mancato l’appello proprio contro la Juventus, scendendo in campo con fin troppo rispetto e riverenza, gettando al vento l’opportunità di ritrovarsi a +5 sui nemici di sempre.

    Per le prossime partite, e magari per la “maturità”, Sarri e i gli azzurri dovranno andare per un pò “a ripetizione” in Germania.