UCL, Napoli-Besiktas 2-3: l’anima azzurra ed il cuore non bastano al Napoli per superare Besiktas

di Bruno Marra per la SSC Napoli

Napoli – L’anima azzurra ed il cuore oltre l’ostacolo non bastano al Napoli per superare Besiktas.

Vincono i turchi con un gol quasi al 90esimo in un match nato non bene e proseguito con un caparbio inseguimento. Il Napoli rimonta due volte, mostrando carattere, condizione e testa, ma un colpo di testa in mischia a 4 minuti dal termine, tra l’altro in fuorigioco, sposta la latitudine del match e segna la prima sconfitta azzurra in questa Champions. Mertens pareggia con un guizzo da rapace il primo gol di Adriano. Poi Aboubakar riporta avanti i turchi in avvio ripresa.

L’occasione per il pari arriva subito ma Fabri para un rigore a Insigne. Il rigore buono arriva al 70′: Gabbiadini appena entrato la mette dentro: 2-2. Poi quando sembrava che il punto saziasse la fame generale, ecco il finale amaro, con un gol beffardo di Aboubakar che per sovrammercato è anche irregolare, e pertanto ancor più difficile da ingoiare.

Finisce così, ma il Napoli resta comunque in testa al girone con 6 punti dopo 3 partite. La corsa è aperta, l’avventura sotto le stelle d’Europa continua…