Turone a Radiomarte: “Finalmente la moviola in campo”

radio marte

Turone esulta: finalmente vedremo al moviola in campo”

L’ex calciatore Maurizio Turone, autore di uno dei “furti” piu’ clamorosi della storia in un parla ai microfoni di Marte Sport Live:

“La moviola in campo? Finalmente, meglio tardi che mai. Dal mio gol fantasma sono passati tanti anni. La Roma? Lunedì sarà una bella partita. Si affrontano due grandi squadre che giocano un bel calcio e vedremo chi la spunterà.

Totti-Spalletti? Francesco è un grande campione. Chiaramente arriva il momento di smettere, ma dipende tutto da Totti. Deciderà lui cosa fare. E’ un giocatore che può decidere la gara in ogni momento, Spalletti ha ammesso che doveva inserirlo prima”.

Campionato 1980-81, la Roma di Dino Viola e Nils Liedholm decolla ed entra in collisione con la Juve pluriscudettata di Boniperti e Trapattoni. Scintille, battute e righelli. Alla vigilia la Juve è capolista, con un punto di vantaggio sulla Roma inseguitrice. Il 10 maggio 1981 si gioca al vecchio Comunale, record d’incasso a quota 480 milioni di lire. La sfida è aspra, nervosa, frenetica. L’arbitro Bergamo, però, dimostra polso (il giorno successivo la Gazzetta gli attribuirà 7 in pagella). Bergamo sembra non soffrire di sudditanza psicologica, tanto che al 17′ della ripresa espelle Furino, al solito eccessivo nelle entrate. Una decina di minuti più tardi l’appuntamento con la storia: Conti-Pruzzo- Turone, gol della Roma, ribaltone in vetta. Bergamo convalida e orienta il braccio destro verso il centrocampo, ma il suo sguardo incoccia nella bandierina del guardalinee Sancini…  La Juve vincerà il campionato, Roma seconda due punti indietro.

Il gol annullato a turone a vantaggio della Juventus