I tifosi della Roma, prima cantano odio Napoli poi fanno festa per un pareggio.

    A Roma fanno festa per un pareggio.

     

    Strani i tifosi della Roma, mentre la loro squadra prende un numero di gol, che solo nel tennis si possono computare, cantano odio Napoli.

    Quando la squadra giallorossa, arriva con il modulo 10-0-0- al San Paolo per strappare un pareggio, urlano di gioia, “non abbiamo perso Napoli” si legge  sui social.

    Una manifestazione d’inferiorità che finalmente si palesa.

    Il popolo giallorosso, ormai non e’ più quello di un tempo, un tempo in cui le due squadre si fusero per affrontare il Budapest.

    594px-Napoli_Roma-Bu

    Infatti non molti sanno, che le due società sono sempre state molto legate, in occasione dei mondiali del 1934, l’As Roma chiese aiuto al Napoli, per affrontare il “Barcellona” dell’epoca.

    Quel Budapest, che faceva paura, il Napoli acconsentì e il Napoli-Roma si impose per 4 a 2.

     

    Altri tempi altre storie. Oggi I tifosi romanisti, cantano contro Napoli e il Vesuvio, un sentimento di odio tramutatosi nei fatti in frustrazione, accontentarsi di un pareggio al San Paolo, fare caroselli virtuali, gioire per una squadra che viene a giocare con il catenaccio e’ segno di manifesta inferiorità.

    Mentre a Napoli si canta, si gode e si sogna, Cari romanisti siamo piu’ forti e lo avete ammesso, al prossima volta che cantate urlate più forte, perché il nostro boato e’ talmente forte che non vi sentiamo.