Tifosi arrabbiati: il Napoli alzi la voce e si faccia rispettare

Erano in 3mila a San Siro «l cardi è in fuorigioco e la partita cambia volto»

tifosi arrabbiati

Tifosi arrabbiati: il Napoli Club Bologna “Se la rete fosse stata annullata la gara cambiava”

Dario Sarnataro sulle pagine del Mattino, racconta tutta la rabbia, la delusione e preoccupazione dei tifosi azzurri, in particolare di quelli che erano presenti a San Siro

Il club alzi la voce e si faccia rispettare, urlano i tifosi arrabbiati

“Siamo abbastanza stufi di subire continuamente torti arbitrali” esordisce Maurizio Criscitelli, presidente del Napoli Club Bologna, presente con una folta delegazione al” Meazza”.

“la sconfitta è anche demerito degli azzurri, continua Criscitelli, hanno avuto altri 90′ per dimostrare di essere superiori. Certo subire un gol in fuorigioco dopo 4′ condiziona pesantemente la gara. La direzione di Rocchi non ci è piaciuta per nulla, in maniera particolare la gestione dei cartellini.

” Tutti ci aspettavamo una reazione degli azzurri, ma non e’ avvenuta, e questo ci ha deluso moltissimo, tornando ai torti, ormai non ne possiamo più bisogna alzare la voce per farsi rispettare in queste ultime cinque gare”.

Giudizio simile anche di Valeria Boccia, tifosissima azzurra del NCB.

“A questa squadra mancano i rincalzi e si nota di più quando la condizione atletica è precaria. Deve crescere nella gestione delle partite e nella reazione di carattere, però francamente è inaccettabile subire un gol irregolare. Noi, in una posizione distante, poiché eravamo nella “piccionaia“, avevamo visto in modo chiaro il fuorigioco di Icardi, come è possibile che il guardalinee non lo abbia visto? E poi almeno uno tra Kondogbia e Miranda andava espulso e invece niente” .

la piccionaia
La piccionaia del meazza

A metà del guado la posizione di Luca Venittelli, presidente di Parma Partenopea, presente a San Siro insieme a tanti altri club (di Milano, di Reggio Emilia, di Cesena, di Padova, di Brindisi solo per citarne alcuni).
“Tifosi arrabbiati e delusi per l’arbitraggio che ha condizionato l’andamento della gara però il Napoli ci ha messo del suo. Ha giocato male quasi come è successo a Udine: noi tutti ci aspettavamo una reazione d’orgoglio che non c’è stata. Non è più il Napoli di un mese fa e forse il nostro gioco lo conoscono tutti a memoria. Anche i cambi dalla panchina sono sempre gli stessi, non c’è mai una sorpresa. Saremo sempre al fianco del Napoli ma siamo delusi”