The Guardian: L’acclamata Antica Pizzeria da Michele di Napoli arriva a Londra e ricorda “Mangia Prega Ama”

The Guardian: L'acclamata Antica Pizzeria da Michele di Napoli arriva a Londra e cita

L’acclamata Antica Pizzeria da Michele di Napoli arriva a Londra, titola il prestigioso quotidiano Inglese. il The Guardian dedica un articolo alla pizzeria Napoletana citando “Mangia Prega Ama

Il the guardian dedica un articolo in prima pagina sulla prossima apertura dell’Antica Pizzeria da Michele  ecco cosa scrive:

La più famosa pizzeria della città di Napoli , l’Antica Pizzeria da Michele -citata  nel libro di memorie di viaggio  e bestsellerMangia Prega Ama” – è in procinto  per aprire una filiale a Londra.

“Amo la mia pizza così tanto”, Elizabeth Gilbert ha scritto sulla sua visita al ristorante, dove ha ordinato un margherita con doppia mozzarella, Ho una storia d’amore con la pizza… diciamo che è una specie di pane e amore e carboidrati…” Sto avendo un rapporto con questa pizza, quasi un affare “.

La pizzeria anche nel film  tratto del libro, in cui Elizabeth Gilbert, interpretata da Julia Roberts , può essere vista in alcune scene in cui  la Roberts morde il  classico piatto della cucina  napoletana.

 

Il ristorante, che è stato nella stessa posizione dal 1930 ed è gestito da una famiglia il cui patrimonio della pizza risale al 1870, è noto per fare le migliori pizze di Napoli ed è un punto di pellegrinaggio per gli amanti della pizza in tutto il mondo.

I pellegrini provenienti dal Regno Unito non avranno bisogno di viaggiare fino a Napoli, ora, grazie alla filiale di Londra di prossima apertura, che sarà in Church Street, Stoke Newington potranno assaggiare questa prelibatezza sotto casa..

Il ristorante di Londra seguirà la stessa formula che ha riscosso un  grande plauso a Napoli. Questo significa solo che serve Margherita e Marinara  (anche se, nella filiale di Londra, ci saranno due pizze speciali a rotazione), oltre ad offrire lo stesso vino e birre che vengono serviti nella pizzeria originale.

LEGGI L’ARTICOLO IN LINGUA ORIGINALE