Stadio: E’ pronto il pool di architetti per il restyling

IL MATTINO: Inizia a prendere corpo la fase operativa dell’operazione-restyling del SanPaolo.

Ieri  a palazzo San Giacomo nuovo incontro tra Calcio Napoli e Comune. Presenti da una parte ilc onsigliere delegato Andrea Chiavelli, il dirigente AlessandroF ormisano, gli avvocati Chicco Ceceri e Valentina Comella; dall’altra il capo di Gabinetto del Comune Attilio Auricchio l’assessore allo Sport Ciro Borriello e l’avvocato Antonio Andreottola.

L’obiettivo è stringere i tempi rispetto alla presentazione dello studio di fattibilità da parte del Napoli (data ultima fissata per il 31 maggio) e per farlo si procederà secondo una strategia ben precisa.

Il Napoli sceglierà, probabilmente entro la prossima settimana, un pool di architetti, tuttidi altissimo profilo internazionale, che metteranno nero su bianco il progetto San Paolo. Lo studio di fattibilità sarà diviso in due capitoli: 1) progettuale-architettonico;  2) economico-finanziario.

Anello inferiore della Curva A

Durante la riunione i rappresentanti di De Laurentiis hanno ipotizzato di poter presentare tutte le carte entrola data stabilita, ovvero entro fine maggio.
Il Comune preme, invece, affinché  si stringano i tempi. «Se si riuscisse entro aprile sarebbe meglio per non allungare troppo i tempi dell’inizio dei lavori» spiegal’assessore Borriello.

Ci sarà, per espressa volontà delle parti, un progetto condiviso. Si è discusso anche del credito che il Napoli vanta nei confronti del Comune (oltre 6milioni) si va  verso un’intesa anche su cifre notevolmente più basse.

L’input di De Laurentiis è offrire collaborazione, come è stato fatto dopo l’approvazione della convenzione perq uesta stagione, a cifre più alte da quelle indicate dall’advisor Coni Servizi

Il Consiglio comunale ha approvato ieri la delibera per la messa in sicurezza dell’ anello inferiore della Curva A a disposizione fondi per 113mila euro, sara’ pronto per Napoli-Inter dell’8 marzo.

Al termine della stagione calcistica da palazzo San Giacomo dovrebbe arrivare l’ok immediato anche per i lavori che comprendono: impianto di illuminazione, impianto elettrico, impianto
antincendio, tubazioni, impiantistica per i servizi igienici, risistemazione dei seggiolini.

IPOTESI PROGETTUALE STUDIO DI FATTIBILITA’

L’investimento del Napoli si dovrebbeaggirare intorno ai 20milioni. Si andrà verso una convenzione ponte che dovrebbe durare 6-8 mesi massimo, per rispettare i tempi tecnici e far sì che il progetto possa partite.

Presentato lo studio di fattibilità, passeranno 90 giorni per l’istruttoria della pratica, nei quali potranno essere apportate tutte le osservazioni, e 180 giorni per le espressioni di tutti ipareri (Coni, Asl, commissione Urbanistica ed Edilizia). Infine è emersa la necessità durante i concerti di non aprire il prato al pubblico: su questo il Napoli è categorico.