Spagna violenta: un altro agguato a Barcellona, anche in Bundesliga, cominciano i guai.

    LA LIGA E LA BUNDESLIGA “SCOPRONO” IL PROBLEMA HOOLIGANS.

    Un agguato in piena regola, incappucciati, coltelli alla mano, gridando «Forza Barcellona» e pronti a scappare in moto.

    È successo mercoledì sera fuori dal Camp Nou e il bilancio parla di due feriti da arma bianca finiti all’ospedale. Due tifosi del Paris Saint Germain, residenti a Barcellona da tempo e allo stadio con la maglia della propria squadra.

    Uno ieri è stato dimesso, l’altro, pur fuori pericolo, no: una coltellata lo ha colpito alla pleura e la situazione si è fatta decisamente delicata. Poco dopo il primo si è verificato un altro episodio di violenza vicino allo stadio catalano, di nuovo contro un francese ma la vittima, già in Francia, ha rivelato che si trattava di un banale tentativo di furto, niente a che vedere col calcio.

    UN MORTO E UN FERITO GRAVE

    E così la Spagna in 10 giorni si trova a fare i conti con un morto (il tifoso del Deportivo picchiato e gettato nel fiume dai rivali dell’Atletico domenica 7 dicembre a Madrid)e un ferito serio legati all’hooliganismo. ù

    Sorpresa, sconcerto, reazioni immediate e decise da parte delle istituzioni. Ma anche la presa di coscienza che il problema della violenza legata al calcio è più serio e presente di quanto non si creda. Per carità, andare allo stadio in Spagna è abitudine praticata e consigliata a gente di ogni sesso ed età: gli impianti sono discretamente pieni e sono molti sia i turisti che le fam-glie con bambini.

    Andare a vedere la stragrande maggioran-za delle partite della Liga è attraente, divertente e sicuro. Però nei giorni della morte di «Jimmy», l’ultras del Deportivo, sul sito di As hanno pubblicato un video con una compilation di episodi di violenza legata al calcio relativi al solo 2014 e ce ne hanno infilati 9. Numero non trascurabili

    PROIBITI I CORI OFFENSIVI

    In Spagna sembrano intenzionati ad andare oltre. Hanno varato subito un piano antiviolenza con norme molto rigide, e ancora prima che entri in vigore sono arrivate denunce a 6 club per ori offensivi. Al Madrid hanno espulso 17 soci-abbonati dalla curva dopo aver individuato, via video, che avevano iniziato il coro «Messi handicappato». Un classico al Bernabeu, così come il «Puta Barça» altro coro finito nel mirino degli inquirenti. 

     ANCHE IN GERMANIA

    avvisaglie di un’inversione di tendenza: scontri agli autogrill, un’invasione di campo, uno steward picchiato, incidenti vari, deriva politica assai pericolosa. La reazione non si è fatta attendere: la Dinamo Dresda esclusa dalla Coppa di Germania, il governo locale di Brema che stanco di pagare ha passato il conto delle spese di polizia alla federcalcio tedesca, allarme diffuso.

    LA GAZZETTA