Serie A il torneo con più cartellini d’Europa

    Si fanno pochi falli, ma abbondano espulsioni e ammonizioni: colpa dei giocatori o dei direttori di gara?

     

    Il potere emozionale del fischio dell’arbitro nel gioco del calcio è paragonabile solo a poche altre situazioni di gioco, come un gol o un salvataggio sulla linea. C’è la tensione prima del fischio d’inizio, la rabbia o la gioia dopo un rigore concesso, la liberazione o l’atto ultimo di una tragedia con il triplice fischio.
    Per i fantallenatori ogni interruzione, anche per un semplice fallo, ha la sua importanza. Di solito si trasforma in malus: da -0,5 a -1. La Serie A, tra i principali campionati europei, è quello con la media più alta per cartellini rossi mostrati: 0,29 a partita. Eppure il nostro non è un gioco particolarmente falloso, i contrasti punibili infatti non superano mai la media di 30 a partita.
    Molto dipende dunque dalla disciplina imposta dai direttori di gara. In Bundesliga, per esempio, la media di falli per partita è di 30,2 ma quella delle espulsioni è nettamente inferiore ai nostri standard, con 0,14 cartellini rossi a gara.
    Juan Jesus si becca un cartellino giallo. Lapresse

    giocatori In termini di fantacalcio i giocatori più “cattivi” sono da evitare, specie nel mercato di riparazione. Tra i più irruenti, con due cartellini rossi, troviamo Bonera e Roncaglia, che non compensano nemmeno con una buona media voto.
    Ci sono poi quelli come Cigarini, Leali e Berardi che oltre alla foga aggiungono anche qualche protesta di troppo, che spesso allungano i tempi della loro sanzione. Si tratta, alle volte, di giocatori dall’estro e dal fiuto per il gol, ma con un carattere particolarmente caldo. Come dire: croce e delizia. Con sette ammonizioni troviamo invece De Jong, che però ha ripagato, in parte, con due reti.
    Con cinque gialli ci sono Avelar, Lucarelli, Rodriguez, Lucchini e Benalouane. Se sommiamo le espulsioni e le ammonizioni i più sanzionati sono Cavanda, Sturaro e Acquah, che in undici giornate hanno collezionato tre gialli e un rosso.
    Se consideriamo, invece, le partite giocate (6) e le ammonizioni (4) i più abituati al giallo sono Benassi e Acerbi, anche Vidal ha una poco invidiabile media di 0,5 sanzioni a partita.
    La gazzetta Dello sport