Sarri Scaramantico mentre qualcuno marc à pest

Sarri scaramantico

 

“Qualcuno marc à pest” un esclamazione tutta Napoletana dal significato mondiale.

Troppa euforia, troppi personaggi sul carro dei vincitori, troppi elogi, e pochi piedi per terra. E’ questa la sinstesi  della conferenza stampa del tecnico del Napoli Maurizio Sarri.

Sarri scaramantico

Sarri scaramantico come ogni buon napoletano, ha parlato  della partita di domani, e incalzato da domande che poco si sposavano con la gara ha  esclamando ad un certo punto “mi sto toccando”

Il mister che ha origini napoletane come tutti sanno, evidentemente oltre che hai natali dalla nostra città ha ereditato anche altro.

Sulla gara Sarri è stato chiaro:” è una partita difficile perchè la stragrande maggioranza delle persone pensa che sia una gara facile e se questo messaggio arriva alla squadra le conseguenze per noi possono essere drammatiche, mi sto toccando sotto, domani abbiamo una partita difficile. Continua il mister, potrei fare duemila riferimenti nel corso degli anni, ma mi limito alle ultime due settimane: l’Atletico che perde a Levante, l’Ajax che pareggia col De Graafschap”

Carratelli racconta Nordahl, l’uomo nel mirino di Higuain

La scaramanzia continua sulla qualificazione diretta  Champions: “A me vincere mi dà sempre emozioni. Le emozioni non sono parametrabili agli eventi che accadono durante la vita. Domani potrei raggiungere il punto più alto della mia carriera ed il traguardo più importante sportivamente ed emotivamente“.

Sarri chiama a raccolta il pubblico, l’unico vero amuleto del Napoli, la squadra azzurra tra le mura amiche non ha mai perso: ” Il pubblico ci dovrà dare una mano decisiva come ha fatto per tutto l’anno”.

Poi la chiosa sulla Juventus che francamente ci risparmiamo di pubblicare perché proprio non ci interessa.

Sarri: “sono nato qui, adoro Troisi ed Eduardo. non conosco bene la cucina, ma mi rifaccio con la scaramanzia”