Sarri: “Insigne è un talento.Napoli per me è una bella storia.” Maggio: “Sempre sudata e onorata la maglia!” Jorginho: “In un centrocmapo a 3 mi trovo meglio!”

Appantumento con i tifosi per mister Sarri, Christian Maggio e Jorginho che hanno risposto a domande e curiosità dei tifosi. Ecco quanto evidenziato da noi di NSN:

Per Maggio: Chi è più forte tra Cavani e Higuain?

“Ho avuto la fortuna di giocare con due grandi campioni che hanno fatto qualcosa di incredibile. Sono diversi, Edi non lasciava nulla al caso in allenamento, aveva voglia di sfondare. Higuain arriva da una realtà incredibile come quella del Real Madrid, ci darà una grande mano, anche lui ha voglia di dimostrare il suo valore”.

Mister quanto tempo ci vuole per far diventare questa squadra una macchina perfetta?

E’ difficile dirlo, ma finora la squadra mi ha dato disponibilità e questo mi fa essere ottimista. Per la perfezione non c’è tempo che tenga. Ad Empoli dopo 7 partite ero ultimo in classifica, ma poi siamo arrivati alla finale play-off con un grande girone di ritorno.

Per Sarri – Come si può migliorare la rosa?

“Non mi piace parlare di acquisti, in questo modo si offendono i giocatori che ci sono adesso. Parlo di lavoro e miglioramento, c’è qualcuno d’esperienza e qualcuno più giovane e cambiando mentalità a livello di squadra si spera di fare meglio”.

Per Jorginho, preferisci giocare in un centrocampo a tre?

“Sì, mi trovo meglio a giocare a tre a centrocampo da centrale con due mezzali al mio fianco. Valdifiori? Decide il mister, io sono a disposizione per il bene di tutti”.

Per Sarri – Chi tirerà i rigori?

“L’ho chiesti anche a Reina, ma mi ha detto che non gli piace calciarli (ride, ndr). Scherzi a parte, tutti possono tirare bene i rigori in allenamento, dobbiamo vedere poi durante le partite.”

Per Sarri – Sul modulo e sugli ultimi arrivi

“Abbiamo provato diverse soluzioni, col 4-3-3 perdevamo il baricentro, ci tornerà utile ma ora stiamo lavorando sul 4-3-1-2 e 4-3-2-1. Se la squadra non ha difensori che sviluppano gioco non può certo fare oltre 100 gol perchè le azioni partono da lì. Poi se sono arrivati tanti gol che non hanno fatto il Napoli una grande squadra dipende dall’atteggiamento tattico e non dai giocatori”.

Per Sarri – Sulle squadre che si chiudono in difesa

“Noi contro le squadre medio piccole abbiamo fatto il 70% di superiorità territoriale, anche noi abbiamo trovato squadre che si chiudevano da noi, ma è chiaro che qui c’è maggiore qualità per far saltare qualsiasi tipo di difesa che si posiziona bassa”.

Per Maggio- Il selfie di Andujar con Britos e Higuain, dopo Napoli-Lazio ci ha ferito, perchè noi eravamo distrutti, possibile che voi avete dimenticato così in fretta?

“Dopo l’ultima gara tutti eravamo molto rammaricati, si parlava poco nello spaogliatoio, eravamo ad un passo dal salvare la stagione che non è stata da buttare secondo me. Io cerco sempre di aiutare un compagno in difficoltà, se vedo che sbaglia lo aiuta, ma poi ognuno ha la sua vita e si prende le proprie responsabilità”.

Per Sarri -Sul ritorno di Zuniga e sulle capacità di Insigne

“Come tutti quelli in Copa America ha diritto a venti giorni di vacanza. Dovrebbe arrivare prima della fine del ritiro. Lorenzo non ha bisogno di convincermi, è uno dei più grandi talenti del calcio italiano”.

Per Sarri – Lei s’è cacciato in un grosso guaio.

“I guai sono altri, questa è una bella storia per me”.

Per Maggio e Jorginho – L’anno scorso durante il ritiro avete giocato bene, una volta finito il ritiro invece…

(M): “In quel periodo non andavamo bene, a volte qui in Italia c’è la tendenza di andare in ritiro, dopo abbiamo fatto diversi risultati positivi, ma facevamo fatica a stare lomntano dalla famiglia perchè non la vedevamo mai. Noi eravamo d’accordo con la società, quando le cose vanno male è giusto stare insieme, anche se non è bello il ritiro”.

(J): “La cosa più difficile è stare lontano dalla famiglia, a me stava per nascere il bambino e stare tanti giorni senza la famiglia e poi tanti giorni in trasferta non è facile”,

Per Maggio – Promesse per questa nuova stagione

“In 8 anni non ho mai smesso di sudare la maglia, questo è sicuro poi ci sono annate ed annate. Con Mazzarri siamo arrivati secondi e nessuno diceva niente, poi appena non va come si spera si parla diversamente, ma ci sono anni diversi. L’anno scorso non è stato positivo, però non buttiamo via tutto perchè abbiamo fatto due semifinali e abbiamo sfiorato la Champions”.

Per Sarri – Sulla posizione in campo di Hamsik

“Marek ha avuto dei problemi ed è stato fermo, ma l’ho provato da interno di centrosinistra che mi dice essere il suo prediletto e mi sembra giusto farlo contento altrimenti può essere uno dei due trequartisti”.

Per Sarri -Vogliamo più cattiveria sia dai giocatori e nelle proteste

“L’anno scorso ho preso cinque espulsioni, ma se fate così ne prenderò dieci (ride, ndr).

Per Sarri – Sul ritiro

“Io non credo alle punizioni, ma al coinvolgimento. Chi è coinvolto ti dà il 101%, chi è punito il 99%”.