Sarri: “Champions? Siete troppo avanti, non voglio perderla perchè penso di averla vinta una settimana prima!”

Sarri perplesso

Champions certa? Non ditelo a Maurizio Sarri, che si infuria al solo pensiero che sia già chiusa la pratica secondo posto. Ecco le sue parole a Sky Sport:

“Io penso che stiamo facendo un cmapionato straordinario. Abbiamo fatto il recond di vittorie e di punti in Serie A. Ora per approdare manca la vittoria contro il Frosinone. Stasera abbiamo visto che non esistono partite facili. Dobbiamo restare concentrati un’altra settimana.”

Sulla mancanze della squadra: colpa sua o della squadra?

La squadra ha smesso di fare il suo solito gioco, però caratterialmente la partita l’ha tenuta in mano bene. L’aspetto della mentalità è importante, ci sono momenti della gara che oltre a palleggiare e fare gioco si devono fare anche altre cose. Stasera, le altre cose le abbiamo fatte meglio delle altre volte. Siamo primi in ogni tipo di classifica di rendimento, dobbiamo essere bravi a tramutare questi dati in punti in classifica”.

 

Su Insigne

“Secondo me ha fatto un buon primo tempo, il Torino ha sofferto molto gli inserimenti di Hamsik ed ho chiesto a Lorenzo di oscurarsi e lasciare spazi proprio a Marek. Ha fatto un lavoro oscuro che è servito comunque alla squadra. Il ragazzo ha fatto un’ottima stagione, ha passato un mese con un calo ma sta finendo nuovamente in crescita. Sono molto contento di quello che ha fatto, può ancora crescere sul piano realizzativo”.

Sulla Champions

“Voi siete troppo avanti…io sono arrivato dopo 30 anni in serie A non voglio perdere la Champions perchè penso di averla vinta una settimana prima. Ho fatto un percorso talmente lungo per arrivare alla Champions che non posso perderla adesso per una cazzata “

Sul contratto

“Il presidente mi aveva chiamato un mese fa, poteva venire fuori una discussione che durava dieci o quindi giorni e non ci sembrava il caso. Ci hanno ricamato sopra, ma no c’è niente di strano. Ci siamo ripromessi di parlare il giorno dopo la fine del campionato per il bene della squadra”.