Ultim’ora stadio: fumata bianca e’ arrivata la convenzione

 

San Paolo che caos

 

 

Oggi riunione del consiglio comunale per la convenzione ponte per lo stadio San Paolo.

 

L’aumento del canone d’affitto che passa da 650mila euro a 780mila e altre 5000 a carico della societa’ azzurra per il trasporto pubblico (autobus e metropolitane) per le gare in notturna.

POLITICA

Il PD e’ critico su questa convenzione , mentre il centrodestra insiste sui biglietti per la tribuna autorita’, che de magistris, vorrebbe limitare e rendere nominativi, riservando quelli che avanzano per i cittadini indigenti.

ORE 19 Intevento del sindaco a radio KK

“Entro stasera contiamo di chiudere per la convenzione con la Ssc Napoli.

biglietti?: lo sapete bene, io sono contro tutti i rpivilegi, basta con questa storia dei biglietti autorita’, che poi vengonoc eduti, la tribuna autorita’ esiste dall’impero romano, ma se volgiamo per me si puo’ eliminare anche stasera.

 

ore 20.00 arriva da il mattino la conferma

Passa in consiglio comunale il maxi emendamento e con esso il canone da 650 mila a 780 mila euro, la tariffa per la pubblicità da 3000 a 3500 euro a partita. Sempre la società si farà carico nelle partite in notturna di garantire i mezzi pubblici con una quota di ulteriori 5000 euro a gara.

Nella convenzione ponte – che durerà due anni – ci sono anche biglietti per le classi indigenti e per i ragazzi delle scuole. Quanto alle spese per i servizi rientreranno nel costo della convenzione stessa. Materia sulla quale c’è stata molta polemica in aula perché sono spuntati circa 230 mila euro di sprechi per perdite di acqua dalla rete idrica dello stadio di Fuorigrotta. Toccherà invece alla società del patron Aurelio De Laurentiis occuparsi del servizio di pulizia.

E i biglietti nominali per per i consiglieri comunali in tribuna autorità? Vengono sfilati dal maxi emendamento presentato dalla maggioranza e condiviso da quasi tutte le opposizioni. Se ne riparlerà e in maniera concreta quando ci sarà la convenzione per il nuovo San Paolo. Sul punto il sindaco De Magistris è intervenuto invitando i consiglieri comunali a non cederli a terzi.

«Politicamente il maxi emendamento è passato con una maggioranza trasversale con una opposizione molto dura del Pd che voleva una convenzione a livello finanziario più pesante come un altro anno» ha sottolineato il capogruppo democrat Aniello Esposito e anche il suo collega Tonino Borriello che alla fine hanno votato sì all’atto mentre Ncd esce dall’aula. Fi e Fdi si astengono sulla delibera, a favore naturalmente la maggioranza arancione con Sel e Fds e con Sim. Varriale dell’Idv si astiene motivando la decisione per non avere introdotto nel maxi emendamento la questione dei biglietti per la tribuna autorità. L’unico voto contrario è quello di Ricostruzione democratica.