San Paolo: ecco il progetto del Napoli, arrivano anche i sediolini anti-vandali

Progetto nuovo San Paolo

 

SAN PAOLO: UNO STADIO DA RIFARE

L’architetto al lavoro: «Il nuovo progetto forse pronto entro fine anno, De Laurentiis sta definendo le strategie»

SAN PAOLO NUOVO? Ecco cosa scrive  Fulvio Padulano sul corriere dello sport, in merito alla questione:

Le linee guida del Napoli: capienza ridotta niente pista e comfort come i migliori in Europa.

A metà luglio il Napoli presenterà il progetto, del nuovo stadio San Paolo,
seguito dal piano di fattibilità.

La prima modifica a balzare all’occhio è quella relativa alla capienza: da 60.000
a 41.000 in un sol colpo, ma poi intervenendo un po’ su tutto, provando ad attuare una completa modernizzazione in stile europeo.

Dall’eliminazione delle piste di atletica, da tribune e distinti prolungati verso il campo, con l’anello inferiore e il terzo anello metallico interdetti al pubblico.

Le ospitalità riorganizzate in Tribuna con sky-box e field-box del tutto nuovi e con tanto di
schienali ribaltabili.

I sediolini anti-vandali in curva e nel settore ospiti, i bagni (nota sempre dolente) molto più funzionali ed anche tutto il resto, a partire dall’area stampa. E poi la chiusura dei fossati, le recinzioni, gli isolamenti acustici, i parcheggi interrati, il tutto per aumentare di gran lunga
anche il comfort, per arrivare ad un livello di stadio di categoria 4, quella più alta, come
da classificazione della Uefa.

E con un intervento economico iniziale di una ventina di milioni, estendibile ad ottanta
ed oltre con la partecipazione degli sponsor.

L’architetto Gino Zavanella, ideatore del nuovo San Paolo.“Ho sentito De Laurentiis . Nessun raffreddamento sulla questione stadio, si sta soltanto riflettendo su alcune ipotesi per ripresentare il tutto. Quando? Sinceramente non lo so.

Ho una lettera del Comune con una data da rispettare: posso dire che dovrebbe succedere prima di fine anno, ma non mi sento assolutamente di confermare
che la cosa accadrà “.