Roma: 50 sfumature di Reggio

    La Capitale resta a piedi sulla Via Emilia, la Chiesa al centro del Villaggio ha interrotto il viaggio

    La Roma non riesce ad andare oltre allo 0-0 all’Olimpico contro il Parma e continua la sua lunga serie di mancate vittorie interne che si protrae ormai dal 30 novembre. Contro la squadra di Donadoni ultima in classifica i giallorossi  ci sbattono il muso. Un punto che ovviamente serve a poco o nulla in ottica corsa Scudetto e che anzi rischia di complicare non poco il campionato della squadra di Gacia che, a fine gara, ha anche raccolto una discreta dose di fischi piovuti dagli spalti.

    DOUMBIA –Definire “sottotono” la prima uscita ufficiale di Seydou Doumbia con la maglia della Roma risulterebbe sicuramente troppo generoso. L’attaccante ivoriano, mandato in campo da Garcia nel match dell’Olimpico contro il Parma, è riuscito nell’impresa di esasperare, in appena 45 minuti, una tifoseria che era stata capace di applaudire la propria squadra dopo un 1-7 interno.

    Se è vero che l’attaccante ivoriano ha dalla sua il fatto di essere rientrato dall’Africa meno di 48 ore prima del calcio d’inizio, è altrettanto vero che – per quanto possa essere parecchia la smania di mettersi in luce – un atleta dovrebbe rendersi conto di essere in ritardo di condizione in maniera clamorosa.

    50 SFUMATURE DI REGGIO-il Parma  non appare affatto intimorito ed anzi è sempre pronto a ripartire in contropiede quando si presenta l’occasione giusta. La gara, nelle prime fasi di gioco è sostanzialmente equilibrata e nessuna delle sue squadre riesce mai a rendersi realmente pericolosa. Per la prima azione degna di nota bisogna aspettare il 14′ quando sui piedi di Yanga-Mbiwa arriva un pallone deviato su tiro di Gervinho, il difensore giallorosso si trova in ottima posizione in piena area di rigore ma sbaglia clamorosamente lo stop e tutto sfuma.