Rizzoli difende Bonucci e critica Higuain?

RIZZOLI

RIZZOLI PARLA ALLA GAZZETTA

Rizzoli “il pacificatore e  moralista è cosi che lo presenta la gazzetta dello sport. Non è il titolo del film di Alberto Sordi del 59, ma l’intervista , la seconda, rilasciata dall’arbitro Rizzoli alla gazzetta dello sport, (chi sa poi perché sempre alla gazzetta), nella quale il bolognese difende ancora una volta Bonucci e fa la morale velatamente al Pipita.

 RIZZOLI  FA LA MORALE ALL’ITALIANA

L’intervista rilasciata a Francesco Ceniti, sembra un Samsara più che faccia a faccia. Rizzoli è interrogato sui temi più caldi del momento : dalla moviola in campo, che lui accetterebbe a determinate condizioni, al caso Bonucci passando per il derby di Torino. Ma è la disamina velata su Higuain che  rivela il lato moralista. A voi  le considerazioni.

MOVIOLA IN CAMPO

“Nessuno di noi è contrario alla tecnologia, può solo farci piacere. Ma deve essere certa, come sul gol non gol. Ad esempio l’uso del fuorigioco può dare dei problemi: basta fermare l’immagine un attimo prima o dopo per cambiare decisione”.

BONUCCI IL BUONO

“E’ stato creato un caso mediatico sui social.Bastava vedere il video e le altre foto per capire che c’era distanza. Anche con keita della Lazio. Preferisco il dialogo: se un giocatore usa modi corretti può avvicinarsi”

DERBY DI TORINO

“Può essere, probabilmente ho fatto alcune valutazioni sbagliate sulle ammonizioni da dare. Così come c’è dispiaciuto per il gol del Torino annullato per un fuorigioco inesistente.
Ma non era una chiamata semplice come è stato detto”

RIGORE NEGATO LA BARCELLONA

“Dalla mia prospettiva non ero sicuro che il braccio fosse dentro l’area. Tra l’altro ho avuto il dubbio che ci fosse stata una carambola sull’altra mano che era certamente prima della linea”.

GIOCATORI CHE PROTESTANO

” Prendiamo il caso Vardy in Inghilterra: il Leicester è a un passo dal lieto fine di una favola bellissima, ma nessuno grida allo scandalo perché il loro attaccante più forte è stato fermato due giornate dopo le parole di troppo dette all’arbitro e dimostrate con la tv. In Italia sarebbe scoppiato il finimondo: da noi quando un giocatore è squalificato per degli insulti si fa sempre ricorso sostenendo che non ha mai detto quelle frasi. Serve aggiungere altro?”. ( una stoccata al Pipita Higuain? ndr.)

 

Bonucci-Higuain: quando il metro di giudizio dipende dai colori che indossi