Rafa aspetta De Laurentiis «Dobbiamo battere l’Inter»

Come su un set cinematografico: Benitez la riscossa, scena prima, settima,ciak,sigira.

 

Il tecnico spagnolo ieri sera si è messo alle spalle la porta della villa di Colby ed è tornato nel suo appartamento nell’Holiday Inn di Castelvolturno. Ma anche lì non ha mai smesso di pensare alla gara con l’Inter neppure per un minuto. Per somma gioia della moglie Maria. Un film continuamente in replica nella sua testa, un vedere e rivedere, un provare e riprovare, un copione per ora senza conclusione.

Perché con i nerazzurri, anche se la parola vendetta non fa parte del suo vocabolario, non è una gara come le altre. Né può esserlo.

La fiducia trasmessa da DeLaurentiis ha rasserenato ancor di più il tecnico. De Laurentiis e Benitez si sentiranno in queste ore. Ma il presidente scambierà, come sempre, qualche idea con Hamsik, il capitano: fra i due, ci sono sempre colloqui sereni.Tipici di chi sta navigando assieme da otto anni.

Benitez e DeLaurentiis devono capire se questo gruppo, alla prova dei fatti,può inseguire gli obiettivi minimi: la qualificazione alla Champions (magari senza preliminare), e l’EuropaLeague.

Con la ciliegina Supercoppa. Che pure ha un peso rilevante nelle strategie aziendali. Tutto questo perché a gennaio si apre una finestra importante di mercato: il Napoli potrebbe muoversi in anticipo provando a fermare qualche giocatore in scadenza. In agenda due nomi: Ayew e Milner.