Radio Marte: parla l’uomo che ha scoperto Gabbiadini

    “Gabbiadini andava solo aspettato. Può ancora migliorare. La Juve? Forse ha avuto troppa premura nel cederlo”

     

    Mino Favini, storico responsabile del settore giovanile dell’Atalanta, parla ai microfoni di Marte Sport Live:

    Gabbiadini? Mi do un merito: andava aspettato. Doveva rinforzarsi a livello muscolare, poi nel tempo ha espresso le sue grandi qualità che sono sempre state importanti. Serviva un minimo di pazienza in modo che potesse esprimere il suo talento.

    Sono d’accordo con Benitez, credo possa ancora migliorare. Può completarsi dal punto di vista atletico, poi se posso permettermi una considerazione, deve tirare le punizioni.

    Gabbiadini è ancora un po’ timido, ma il calore dei tifosi napoletani lo aiuterà a superare questo limite. Può ricoprire diversi ruoli: giocare da seconda punta, trequartista o l’esterno perché è bravo nella fase difensiva.

    La Juve? Forse hanno avuto troppa premura nel cedere Manolo. Avrei aspettato un momento.

    I talenti dell’Atalanta? Sportiello è stata una rivelazione per tutti ma non per noi. Qualche buon ragazzo c’è sempre”.