Il PSG pareggia l’ennesima gara e piovono i fischi al Parco dei principi!

    Quinto pareggio in sette partite stagionali per il PSG, che spreca tanto e si fa riacciuffare in casa dal Lione: tanti fischi al Parco dei Principi per la squadra di Blanc.


    Nemmeno il Parco dei Principi è riuscito a risollevare il PSG. Anzi, dalle tribune della casa rouge et bleu sono arrivati anche dei sonori fischi per la squadra di Blanc al triplice fischio. Ibrahimovic e compagni passano in vantaggio ma sprecano una quantità incredibile di palle goal e per poco non subiscono nel finale la rimonta completa del Lione. Quello di stasera è il terzo pareggio consecutivo per i parigini: che sia davvero crisi?

    LAVEZZI TITOLARE – Blanc risponde alle polemiche dell’ultima settimana inserendo dal primo minuto gli scontenti Matuidi, Cabaye e Lavezzi, lasciando in panchina i ‘privilegiati’ Motta e Pastore. Il tecnico del Lione Fournier punta invece sugli stessi uomini che hanno battuto il Monaco alla Gerland la settimana scorsa. In campo anche il grande ex Jallet.

    SEMPRE IL MATADOR – Il PSG, come previsto, domina la gara sin dai primi minuti e al quarto d’ora di gioco Cabaye ha la grande occasione per sbloccarla, ma il 4 dei parigini sfrutta male la perfetta sponda di Ibrahimovic e calcia a lato. Il goal del vantaggio del PSG è però soltanto rimandato di qualche minuto e a segnarlo è ancora una volta Cavani, che con un perfetto colpo di testa su cross di Digne segna la terza rete nelle ultime quattro partite. Prima dell’intervallo la squadra di Blanc ha altre due nette occasioni per raddoppiare, ma il Lione quando può mette la testa fuori e solo la traversa salva il PSG dalla perfetta punizione di Mvuemba.

    UMTITI GELA IL ‘PARC’ – Nella ripresa la musica non cambia: il PSG domina ma non riesce a chiudere il match. I rouge et bleu sprecano una quantità incredibile di palle goal ed il Lione resta a galla anche grazie agli interventi provvidenziali del suo portiere Lopes, addirittura miracoloso in occasione del doppio intervento su Motta e Ibrahimovic. E allora ecco che la dura legge del goal si conferma inesorabile: il Lione resta in partita e ci crede, il talento Njie costringe Sirigu al grande intervento e dal corner susseguente Umtiti risolve un flipper in area di rigore con un gollonzo che gela il ‘Parc’. Il PSG accusa il colpo e Tolisso avrebbe sui piedi il pallone della clamorosa rimonta, ma lo spreca calciando alto sopra la traversa.

    VERRATTI L’AVEVA MESSA… – Negli ultimi minuti il PSG si butta in avanti col sangue negli occhi e Verratti trova finalmente il primo goal con la maglia dei parigini. La gioia, però, è soltanto illusoria perché l’arbitro aveva già fermato tutto per netta carica di Lucas al portiere Lopes. Corretta la decisione del direttore di gara che aveva però negato un rigore netto al PSG sull’1-0.

    FISCHI AL PSG – Nell’ultima settimana le polemiche non erano certo mancate, ma la prossima ne porterà con sé ancora di più. In Francia si parla di un progetto PSG scricchiolante e i fischi del Parco dei Principi dopo il pari di questa sera contro il Lione non fanno altro che dare ulteriore credito alle teorie dei media su una squadra spaccata in due e gestita male dal tecnico Blanc.

    Fonte:goal.com