Prandelli: Il Napoli è la vera anti-Juve e ha cancellato Higuain

Prandelli: Il Napoli è la vera anti-Juve e ha cancellato Higuain

Il Napoli è la vera anti-Juve

Il Napoli è la vera anti-Juve e ha cancellato Higuain  afferma Prandelli. L’ex ct azzurro elogia Sarri: gioca sempre meglio «Napoli, una vera grande non soffrirà di vertigini». Per il mister  il Napoli di Hamsik è come la Roma di Falcao.

Prandelli ha rilasciato una bella intervista al quotidiano il Mattino:

Prandelli, sembrava ci fosse il vuoto tra la Juve e le altre. Invece…

«E invece la vittoria dell’Inter di domenica ha dato morale al Napoli, all’Inter e a quelle squadre che sono state costruite con l’intento di poter lottare per il vertice del campionato, pronte ad approfittare delle eventuali difficoltà dei bianconeri».

Il Napoli di Hamsik può fare come la Roma di Falcao?

«Beh, io dico che tra le pretendenti al trono della Juve, il Napoli è quello che sta più avanti di tutte. Semplicemente perché, al di là delle chiacchiere e dei timori dell’ambiente, la squadra
non ha mai vissuto con angoscia l’addio di Higuain. Anzi, la sua partenza ha determinato una crescita motivazionale di tutti gli altri».

Non le sembra la squadra azzurra un po’ fragile in difesa quando subisce il gioco degli avversari?

«È evidente che Sarri preferisca difendere attaccando, ovvero tenendo la palla nella metà campo degli avversari. Ma non mi pare che possa esserci motivo di preoccupazione se, in 90 minuti di gara, la squadra abbassi il baricentro e tiri il fiato.Non conosco nessuno che non lo faccia».

Sorpreso dall’esplosione di Milik?

«Lo conoscevo bene: vede la porta,annusa l’area, ha senso della posizione. È arrivato libero mentalmente e sta dimostrando chenon è poi un peso così insopportabile prendere il posto
di un grande campione come Higuain. La cosa difficile sarà mantenersi a questi livelli, ad esempio Kalinic l’anno scorso ha avuto una partenza molto simile a quella di Milik. Anche lui era
arrivato in sordina. Gli alti e bassi, soprattutto per una punta, sono una cosa naturale. Solo Higuain l’anno scorso segnava ogni domenica…».

Stasera c’è Genoa-Napoli, un test importante?

«Sì, ma basta parlare di prove di maturità. Il Napoli non deve dimostrare più nulla: affronta la gara da capolista, ma non penso che sia un peso insopportabile da portarsi addosso. La gara di Marassi è difficile a prescindere, perché questo è un Genoa brillante»

Genoa-Napoli il gemellaggio più bello d’Italia è sempre una festa