Perchè la gazzetta non difende i tifosi azzurri?

     

    La gazzetta titola: La guerriglia ultrà dura un giorno.

    Gli scontri iniziati all’arrivo dei tifosi polacchi a Capodichino e alla stazione, poi proseguiti
    al San Paolo: usati bastoni, mazze, bombe carta

    Di: Francesco Pollasto

    Napoli 11/12/2015

    Un titolo e un sottotitolo  generici, usati dalla gazzetta dello sport, il quotidiano utilizza un linguaggio vago per raccontare i brutti avvenimenti di ieri.

    La gazzetta, in prima celebra  “le gesta” delle squadre del nord anche se si sono qualificate  con risultati nemmeno lontanamente paragonabili a quelli degli azzurri, per il Napoli solito trafiletto e  articolo sugli scontri,  (creati e premeditati dai polacchi n.d.r.)

    Un pezzo dell’articolo in particolare mi e’ sembrato davvero capzioso:

    “Che la tifoseria del Legia fosse tra le più pericolose d’Europa è cosa nota, eppure non sono state prese adeguate contromisure. I sindacati di Polizia lamentano il fatto che ormai gli agenti siano «carne da macello» per questi delinquenti. Sotto il profilo disciplinare, invece, il fatto che gran parte degli incidenti siano avvenuti lontano dallo stadio o comunque non all’interno dell’impianto di Fuorigrotta dovrebbe
    mettere il Napoli a riparo da eventuali sanzioni anche se la Uefa da tempo tiene d’occhio il comportamento della tifoseria partenopea, tanto da aver recentemente chiuso le Curve”.

    LA UEFA TIENE D’OCCHIO AL TIFOSERIA AZZURRA? CURVE CHIUSE PER I FUMOGENI GIUSTO PER PUNTUALIZZARE.

    LA GAZZETTA INVECE DI CONDANNARE QUESTI SCHIZZOIDI, ARRIVATI CON ARMI DI TUTTI I GENERI E FORME, PUNTA IL DITO CONTRO I NAPOLETANI? 

    SIAMO DAVVERO IN UN PAESE CHE E’ LA PARODIA DI SE STESSO.