Passamontagna e coltello: ecco come arrivano i tifosi dello Sparta Praga a Napoli!

     

    Ecco tutte le “buone intenzioni” dei tifosi dello Sparta Praga, tifosi azzurri state attenti!


     

    Ieri la società dello Sparta Praga, invitava, tramite un comunicato (che potete leggere QUI ), i propri tifosa prestare attenzione nella pericolosa città partenopea. Alto tasso di criminalità, tifosi aggressivi e quartieri da evitare, questo diceva in breve il comunicato. Simili parole furono ignorate dai tifosi del Bilbao , che invece scelsero di godersi le bellezze della città. I tifosi dello Sparta Praga invece come reagiranno? 

    Questa la domanda che ci ponevamo ieri pomeriggio noi di Napoletano Si Nasce e da ieri sera è giunta una risposta al quanto preoccupante, che sta facendo il giro del web. Un tifoso dello Sparta Praga ha postato una foto (l’immagine di copertina dell’articolo), con il biglietto della partita, un sottocasco/passamontagna con il nome e i colori dello Sparta e un coltello. Insomma le intenzioni del tifoso ceco non son0 difficili da capire.

    La società ceca non doveva avvertire i propri tifosi,ma quelli del Napoli, poiché la fama dei propri supporter è nota dal 1985, dove, dopo una sconfitta contro Banská Bystrica, devastarono e presero in ostaggio una dipendente delle Ferrovie,minacciando di buttarla dal convoglio, che era in movimento.
    Un animo violento, quello del tifoso organizzato dello Sparta Praga, che negli ultimi anni è stato tenuto fortemente sotto controllo non solo dalla polizia locale,ma anche straniera, infatti nelle trasferte la UEFA ha un occhio speciale.

    Quindi siamo noi a invitare i tifosi azzurri a: evitare un qualsiasi contatto con la tifoseria avversaria. Evitate di camminare da soli e se avvistate un gruppo di tifosi dello Sparta, cambiate strada. Evitate di portare un zaino con i panini e mettete un giubbotto anti-proiettili, perchè non si sa mai e perchè in Italia, si sa che quando si parla di Napoli tutti sono colpevoli.

    di Mariana Di Maio

    © Riproduzione riservata