Palermo-Lazio 0-4: Al Barbera è Djordjevic champagne

    Djordjevic si prende la Lazio

    Djordjevic e Andelkovic a duello

     tripletta per l’ex Nantes e biancocelesti che espugnano casa Palermo. Seconda vittoria per i capitolini, rosanero ancora senza successi.

    Primo tris in carriera, nel momento più importante. Il Palermo sfiora il goal ma non lo trova, la Lazio lo trova cambiando la storia. Djordjevic 1, 2 e 3: tripletta per il serbo, protagonista assoluto nell’ultima gara del quinto turno di Serie A: capitolini che salgono a quota sei grazie al secondo successo, 4-0 a casa Iachini, in goal anche Parolo.

    KEITA IN PANCHINA – Stefano Pioli non cambia idea, il giovane Keita non parte titolare neanche contro il Palermo: per il giovane spagnolo è la terza panchina consecutiva. Dietro all’unica punta Djordjevic ci sono così Mauri, Candreva e Lulic. Senza Gentiletti spazio a Cana come centrale affianco al titolare De Vrij, in porta Marchetti. Onazi insieme a Parolo in mediana.

    I padroni di casa confermano il trio che ha fatto benissimo in questo avvio di stagione, al Barbera Iachini opta per Vazquez e Dybala insieme a Belotti, nel 3-4-1-2 rosanero. Conferma per Morganella sulla corsia esterna di centrocampo, mentre Bamba rimane in panchina per lasciare spazio a Terzi. C’è Feddal.

    BARBERA SENZA CHAMPAGNE – Gioco spezzettato e parecchie interruzioni durante la prima fase di gara, con la Lazio meglio nei primissimi minuti e il Palermo via via a prendere possesso del campo tra l’entusiasmo del Barbera. Troppi però gli errori nelle rispettive trequarti, ultimo passaggio in area inesistente. Proteste da entrambe le parti per falli non sanzionati, con l’arbitro Di Bello a lasciar correre per un fallo su Barreto prima e su Candreva poi.

    LEGGE SACRA – Come capita molto spesso nel miglior momento di una squadra trova il goal l’altra. Capita anche in terra siciliana, con i padroni di casa a dare spettacolo sfiorando la rete con Vazquez prima, dopo essersi bevuto metà Lazio al minuto 40, e Dybala poi, fermato dall’uscita di Marchetti, attentissimo nel primo tempo. Proprio allo scoccare del 45′, prima dei due di recupero, arriva il vantaggio della Lazio: Candreva mette un pallone insidioso a centro area, Sorrentino e Terzi a vuoto con Djordjevic che si inserisce depositando in rete da due passi.

    I PORTIERI RINGRAZIANO – Nessun cambio ad inizio ripresa e Lazio più fiduciosa rispetto al primo tempo, col Palermo invece a trovare più difficoltà nella seconda frazione. I rosanero vanno comunque vicinissimi al pari, ma Feddal rovina i piani d’esultanza: clamoroso l’errore sotto porta al 67′, colpo di testa a dieci centimetri dalla porta che termina fuori. E’ la goccia che fa traboccare il vaso siciliano riempiendo quello laziale. Djordjevic prova il goal ad affetto con il tacco, ma piazzando col piattone sarebbe stato goal sicuro.

    TRIPLA D – Djordjevic però è in serata di grazia, passando sopra al raddoppio gettato al vento, rispondendo in maniera roboante. Al 75′ il serbo si fa perdonare l’ingenuità di tacco con un gran goal per la personale doppietta: dribbling su Feddal con il destro in area e mancino a giro che non lascia scampo a Sorrentino. Il Palermo si spegne, ma la luce della Lazio no. Specialmente quella del 27enne bomber, che da zero reti fin qui ne segna tre nella stessa gara; botta al volo da fondo campo e Sorrentino battuto ancora una volta. La difesa isolana saluta il campo, lasciando festeggiare anche Parolo, che a due passi, nell’indifferenza rosanero, butta dentro il 4-0. Djordjo si porta il pallone a casa, la Lazio tre punti.

     

    goaldotcom