Il mattino, Oggi arriva Grassi, Reja si commuove. Bergomi: “vi racconto chi e’ Alberto”

    «L'ho allenato poco tempo ma ho visto il suo talento cristallino. Gran colpo per il futuro»

     

    Bergomi presenta Grassi, Reja  si commuove.

    grassi-alberto_atalanta-bc

     

    Alberto Grassi oggi a Castel Volturno.  Bergomi che lo conosce bene lo presenta sulle colonne del Mattino :

    «Uno dei migliori prodotti del vivaio bergamasco, non c’è che dire: io ero l’allenatore dei ’94 e lui brillava negli Allievi Nazionali. Poi quando andai a guidare i ’95 lui aveva già fatto il doppio salto nella Primavera. L’ho avuto con me per due sole partite, ma il Napoli ha falto davvero un gran colpo. Di prospettiva»

    «È giovane, giocare nell’ Atalanta non è come giocare con il Napoli che lotta per lo scudetto. Il salto è impegnativo. Mi ricorda un po’ Marchisio dell’inizio, non ha la tecnica di Hamsik ma da Allan può imparare davvero tanto.

    Fa strano che sia proprio lo zio Bergomi, che a 19 anni era campione del mondo
    in Spagna, nel 1982, a vedere nella giovane età un impedimento.
    «Non è più quel calcio: per arrivare al Napoli, Grassi ha giocato solo 16 partite in serie A. Ai miei tempi ci voleva molto più tempo. Ma il ragazzo ha talento, buoni tempi di inserimento,personalità e temperamento ».

    «ll mio bambinetto adesso va tra i grandi »,  ha ammesso Edy Reja, visibilmente commosso.

    Reja è stato colui che ha convinto De Laurentiis a non esitare troppo.