«Non ci sono prove, Donadoni faccia nomi» e Donadoni fa dietro front

    Donadoni fa retromarcia

     

    Accuse generiche da parte di Donadoni e nessuna prova che i giocatori azzurri volessero in qualche modo essere favoriti in campo dal Parma, già retrocesso. È il pensiero del Napoli, che si apprende da fonti del club all’indomani del rovente finale al Tardini.

    In campo, sottolinea il club,i giocatori si sarebbero lamentati solo dell’ostruzionismo. Il Napoli, che continua il silenzio stampa e quindi oggi non commenterà

    in maniera diretta l’accaduto, aveva risposto ieri con una nota e oggi, da Castel Volturno, si sottolinea come Donandoni abbia accusato in modo generico dei dirigenti azzurri, senza fare i nomi di chi abbia detto che si aspettava una sconfitta del Parma.

    In più, fanno notare dall’entourage azzurro, nel concitato finale di gara con tutti i microfoni aperti e le telecamere puntate sui protagonisti non è stata colta neanche una voce o un labiale sulle presunte dichiarazioni attribuite ai dirigenti o ai giocatori del Napoli.

    In particolare da parte dei calciatori si lamentava non l’impegno dei giocatori del Parma, ma l’atteggiamento ostruzionistico: se volete davvero giocarvi la partita allora giocate per vincere e non per perdere tempo. Questo sarebbe stato il senso della rabbia di Higuain e compagni, riportato indirettamente dal club. ( Scrive il Corr Sport)

    Intanto Donadoni cosa fa? Ritratta!

    “Non credo che il Napoli volesse regali, è solo la foga”

    L’allenatore gialloblù ha fretta di chiudere il capitolo? oppure ritratta?:

    “So cosa vuol dire veder sfumare un traguardo, ma poi bisogna recuperare lucidità. Aprire ora un’indagine? Un’assurdità”

    “Non credo che il Napoli volesse che il Parma gli regalasse la partita, sono stato calciatore e so che significa vedere la possibilità di un traguardo e per un motivo o per l’altro non riuscire a raggiungerlo, le reazioni poi possono essere differenti.

    La foga agonistica in campo spesso ti porta a dire cose sciocche ma quello che non deve succedere è che chi è in tribuna e che quindi dovrebbe avere la mente un po’ più lucida perché non affaticata dalla sforzo fisico, abbia una tale reazione”.

    Probabile che la Procura Federale apra un’indagine: “Mi sembrerebbe un’ assurdità, vorrebbe dire aggiungere sciocchezze su sciocchezze”, commenta Donadoni.