Napoli – Villareal 1-1: che tristezza e che sfortuna al San Paolo!

di Giuseppe Libertino

Turno di coppe non felice per le italiane. Roma (quasi) fuori e Juventus a rischio in champions, Napoli eliminato dal Villarreal, Fiorentina dagli Spurs, gioia solo per la Lazio che raggiunge gli ottavi di finale in Europa League eliminando il Galatasaray.

Che tristezza e che sfortuna al San Paolo di Napoli.

Siamo abituati a vedere il Napoli corto, proporre gioco ed azioni. In italia lo fa solo il Napoli di questi tempi, le altre aspettano, ma nella Liga ‘giocare a calcio’ è naturale. Il pubblico pretende quello, il ‘sottomarino giallo’ del Villarreal sa come si fa.
Per passare il turno c’era bisogna di affondarlo con la qualita dei singoli.


Hamsik, il capitano, opaco nelle ultime uscite, ha risposto con un destro al volo meraviglioso che ha stecchito il portiere Areola. Reina, poco prima, compie una prodezza ipnotizzando una fuga da centrocampo alla porta azzurra di Bakambu.

Spaventato all’inizio da alcune incursioni degli uomini di Marcelino, dopo la rete di Hamsik il Napoli si rasserena giocando un ottimo primo tempo.
Purtroppo c’è anche un secondo tempo.
Nel momento migliore degli spagnoli segna il Napoli, nel momento migliore del Napoli arriva la doccia fredda al San Paolo.

Un cross di Tomas Pina da sinistra termina direttamente in porta sorprendendo Reina. Una parabola impossibile che ricorda quella
di Felix Magath nel 1983 in finale di coppa dei campioni tra Juventus e Amburgo.
Zoff, scavalcato.

Serata dei portieri: ci si mette Areola che compie due miracoli su Insigne e Mertens.
Che sfortuna!


1-1, fin. Fine dell’avventura europea con Higuain ancora una volta a secco. L’argentino non sta benissimo e la squadra ne risente. Il Napoli gioca, crea, ma con il 9 azzurro non al top, le partite non si vincono, c’è poco da fare. Irritante.

2011 Villareal, 2014 porto, 2015 Dnipro, 2016 Villareal: EL maledetta.
Fallimentare la stagione delle coppe: Inter e Villarreal stroncano le velleità dei partenopei.
Resta il campionato (per la gioia di molti).

Sarà durissima a partire dalla trasferta in casa della Fiorentina. Meno di quattro giorni per ricaricare le pile. All-in sul campionato. Momento stra-delicato.