Napoli: San Paolo rischio squalifica

    Giornata difficile quella vissuta ieri a Napoli dai tifosi turchi al seguito del Trabzonspor.

    Alla fine, il bilancio è di quattro feriti, tutti vittime di agguati in vari punti della città. Fortunatamente l’afflusso

    Allo stadio dei circa 600 sostenitori ospiti è stato tranquillo, ma all’intero dello stadio i tifosi turchi hanno esploso una serie di petardi (lo stesso hanno fatto anche quelli del Napoli e il San Paolo era diffidato).

    Al 61’ il caos dentro lo stadio. Fumogeni accesi, un principio d’incendio e lancio di seggiolini. L’accensione di alcuni petardi da parte dei tifosi turchi ha anche dato vita a un piccolo incendio subiti spento dai vigili del fuoco.

    Il settore ospiti è stato fato oggetto del lancio di alcune bombe carta da parte dei tifosi napoletani dalla Curva A. Il lancio di seggiolini si è fermato con l’ingresso in tribuna della polizia in tenuta antisommossa.

    Durante il deflusso dei tifosi dallo stadio un folto gruppo di tifosi del Napoli ha tentato di entrare in contatto con i supporter turchi ma sono stati bloccati dalla Polizia con un’azione di respingimento e con il lancio di alcuni lacrimogeni.

    La situazione è poi tornata alla normalità. Ora il San Paolo, già sotto diffida, rischia di essere chiuso dall’Uefa per gli ottavi.