Napoli-Inter 2-1: Higuain mena l’Internazionale, ma che brividi nel finale!

Fredda notte di novembre, ma ci pensano i quasi 60 mila del San Paolo a rendere Fruorigrotta un inferno. Non sarà stato come con il Manchester City, ma le gambe saranno tremate lo stesso agli uomini di Mancini, che sembra dover rivere gli incubi di quella notte.

Un incubo che ha inizio sin dal primo minuto, perchè GonzaloHiguain trafigge come un fulmine Handanovic, trovando la rete del vantaggio. Passano i minuti e la squadra di Sarri sembra aver preso le contromisure, dimostrando di essere padrona del campo e del match, dopo qualche sbavatura iniziale. Partita tosta, così come da pronostico, nei primi minuti ben 3 ammonizioni Koulibaly (per un fallo su Guarin) e Hysaj (per un fallo di mano) per il Napoli e Nagatomo per l’Inter, che nel finale della partita sarà espulso dopo un fallo su Allan, i neroazzurri giocheranno con l’uomo in meno per i restanti 45 minuti.

Nonostante l’uomo in meno, l’Inter cambia marcia, ma nel loro momento migliore, arriva lui, e Pipita che divora la divesa avversaria e segna il raddoppio. Ruggisce il numero 9 azzurro e tutto il San Paolo. Ma dall’eurofria alla paua, perchè l’Inter non si arrende e con Lialic accorcia le distanze segnando la rete del 2-1. Il goal rianima la squadra di Mancini, che approfitta di un calo fisico e mentale della squadra azzurra. Il tecnico neroazzurro ci crede e rischia tutto nel finale mettendo Jovetic, il Napoli è sofferente, ma ha tanto cuore e un certo Pepe Reina, che prima viene salvato da un palo e poi fa una parata fenomenale nel finale, salvando la partita e regalando i 3 punti e la testa della classifica a un’intera città.

Termina 2-1 per gli azzurri, in una partita al cardiopalma, ma ha vinto la squadra che ha avuto dato tutto mente, fisico e cuore.