Napoli, è arrivato il momento di mettere le cose in chiaro. Dal presidente al magazziniere tutti colpevoli.

    Anni fa  il Napoli era del popolo e i tifosi erano la sua anima.

    La domenica lo stadio era come il ragu’, guai a mancare , a costo di entrare gli ultmi 20 minuti, e non mi riferisco all’era Maradona ma anche prima.

    La prima societa’ a dotarsi di un ufficio stampa, e’ stata il Napoli.

    Il Napoli faceva invidia anche ai club piu’ blasonati, per la gestione socetaria, poi………….

    Io sono stanco della gestione superficiale. Non solo dell’eventuale ridimensionamento tecnico.

    Comunque se sarà ridimensionamento la colpa sarà pure di questi quattro giocatori, che sono scesi  quest’anno in campo, sempre  con molta nonchalance e menefreghismo, e di un allenatore che ha perso il polso della situazione, tradito dai suoi stessi fedelissimi in più occasioni.

    Rafa Benitez a parer mio  doveva dimettersi a Dimaro a luglio, quando ha saputo che i piani del Napoli, non coincidevano, con quanto programmato.

    Cioò non toglie che lo stimerò in eterno. Salutava con la coppa italia e metteva le cose in chiaro. L’alibi che gli si dà della famiglia nemmeno mi piace, e chi paga sono sempre i tifosi.

    Trovo che sia tutta una grossa  pagliacciata, che contribbuisce a rendere ridicolizzare il Napoli, e di conseguenza i suoi tifosi-clienti, utilizzo il termine clienti, perche’  e’ questo che siamo diventati.

    È inutile farsi il  sangue amaro se il Napoli riceve attacchi è solo colpa sua, organizzazione da rivedere in  ogni settore e scelte del settore comunicazione incomprensibili.

    Mica la Roma è potente mica il Torino è potente, (giusto per fare qualche esempio), ma non ricevono questi attacchi perché c’è organizzazione e non approssimazione.

    Anzi c’è connivenza, basti pensare che in tribuna stampa, al San Paolo  ci va  molta gente gente che pensa al Selfie  invece di lavorare.

    Lo so che molti non saranno d’accordo, poiche’ vedono nel presidente il salvatore, io non sto attaccando il presidente, o l’allenatore, ma la gestione, la comunicazione, manca tutto in questo Napoli.

    Potremmo essere, ma non lo siamo, che sia una scelta? e a chi giova se cosi’ fosse?, sono stanco di tutti questi giornali e siti, che attaccano il Napoli ad oagni sconfitta, salvo, idolatrare ad ogni vittoria, di questo qualunquismo, di questo populismo, di giornalisti, che cercano proseliti su facebook, invece di fare il proprio mestiere.

    Sono stanco di tutta questa gente che pure di poter dire “avevo ragione” non esita a godere nella sconfitta del Napoli, senza considerare che e’ la sconfitta di tutti.

    Mi sto disinnamorando anche io, direbbe Toto’ ma mi faccia il piacere.