Napoli contro crisi e ‘tabù’ Hamsik: in casa slovacco a secco da oltre 10 mesi

Hamsik, che col Palermo farà 250 presenze in A, non va in goal al San Paolo da Napoli-Catania del 2 novembre 2013.

Momento difficile per il Napoli, porta del San Paolo sempre più piccola per Marek Hamsik. Lo slovacco punta a sfatare un ‘tabù’ che lo vede a secco da troppo tempo in quel di Fuorigrotta, magari accompagnato da un successo scacciacrisi dei partenopei col Palermo.

‘Il Mattino’ evidenzia una statistica inquietante riguardante il capitano: l’ultimo goal siglato tra le mura amiche risale al lontano 2 novembre 2013, ovvero Napoli-Catania finita 2-1 per la squadra di Benitez.

Oltre 10 mesi di ‘astinenza’, quasi 11 ormai, che Hamsik vuole e deve interrompere per riprendersi lo scettro di leader troppe volte sfuggitogli nel corso di questi mesi.

L’occasione ideale potrebbe essere proprio quella con i siciliani, dove il numero 17 festeggerà le 250 presenze in Serie A (esordio in Chievo-Brescia del 20 marzo 2005, le altre 249 tutte con la maglia azzurra).

‘Marekiaro’ finora è andato a bersaglio soltanto a Bilbao, ha riposato domenica ad Udine e ora è pronto al ‘tour de force’ che lo attende fino alla sosta. Ma c’è da pensare anche al collettivo, chiamato a rialzarsi contro i rosanero.

Per farlo, il pubblico sugli spalti non sarà quello dei tempi migliori: meno di 9mila biglietti staccati in prevendita, le proiezioni parlano di appena 20mila spettatori previsti stasera al San Paolo. Urge invertire la rotta, anche per ricompattare l’ambiente.

gitalia