Napoli chiede rinforzi e critica De Laurentiis

futuro da big

 

Contestazioni contro il presidente già durante la gara contro il Psg

 

Non ride, Rafa Benitez. C’è qualcosa che lo sta contra­riando. Per quanto abbia l’esperienza necessaria per ge­stire il malumore, gli viene dif­ficile nasconderlo. La squadra c’entra poco, i giocatori che al­lena lo seguono con entusia­smo e con grande coinvolgi­mento.

Lui è stato tra i primi a esporsi, quest’anno, quando a Dimaro, durante il ritiro pre­campionato, non ha avuto esi­tazioni a parlare di scudetto, appoggiando in pieno la pro­messa fatta da Aurelio De Lau­rentiis ai napoletani. Un soste­gno forte, il suo, determinato dal programma discusso e ap­provato dalle parti subito dopo la fine della passata stagione.

Un progetto che avrebbe dovu­to garantire alcune operazioni di mercato e che, al momento, ha assicurato soltanto un tito­lare, il difensore Koulibaly. Poi, più niente, nonostante le sue stesse insistenze.

Le riflessioni del presidente sono lunghe e ponderate, ogni trattativa vie­ne studiata nei minimi partico­lari, soprattutto sotto l’aspetto economico: succede che per uno o due milioni di euro possa saltare l’accordo con un gioca­tore importante, sul quale, ma­gari, l’allenatore avrebbe volu­to puntare. Fellaini, tanto per essere concreti, è l’ultimo caso.

 

Gazzetta