Muniain: “Napoli favorito? Ora no, ma credetimi gli ultimi 15 minuti ..

    Muniain: “Che gli ultimi 15 minuti al San Paolo sono stati infernali!”

    Muniain: “Napoli favorito? Ora no, ma credetimi gli ultimi 15 minuti della partita di martedì abbiamo sofferto tantissimo!San Paolo spettacolare, ma il San Mames farà più paura!

    L’attaccante Iker Muniain ha segnato il suo primo e unico gol dell’Athletic Bilbao, martedì sera contro il Napoli. L’attaccante spagnolo ha rilasciato, ieri, una lunga intervista al Mundo Deportivo, noi di Napoletano si Nasce riportiamo le parti dell’intervista che si riferiscono alla sfida col Napoli.

    Che impressione ti ha fatto il San Paolo?

    “La verità è che l’atmosfera è spettacolare. Un sacco di rumore, molte canzoni, ma alla fine si gioca sono undici contro undici e questo è ciò che conta. La squadra è riuscita a tenere testa al Napoli fino alla fine e siamo tornati a casa molto felici .”

    Chi rischia di più voi o il Napoli?

    “Entrambe. Loro nel finale hanno spinto tanto e i loro grandi giocatori sono la chiave del loro gioco. Però noi abbiamo l’opportunità di rischiare il tutto per tutto a casa e speriamo che tutto vada bene!”
    Come valuti la tua prestazione?

    “All’inizio ho avuto un pò di problemi, come tutta la squadra. N0n volevamo rischiare molto, siamo stati ad aspettare per vedere cosa avrebbero fatto. Ed è stata la scelta migliore perché abbiamo segnato e abbiamo rischiato anche di fare lo 0-2. Ma siamo felici di uscire vivi dal San Paolo e ora dobbiamo rischiare tutto in casa!”

    Il San Mames intimidirà più del San Paolo e cosa hai provato sentendo l’inno della Champions?

    “Quando abbiamo sentito l’inno della Champions tutti abbiamo avuto la pelle d’oca, ci ha dato tantissima carica.
    Sì il San Paolo fa paura, è pieno di gente che urla, ma gli spalti lontano dal campo li rende più lontani,ma il San Mames saprà intimidire di più!”

    Sei tornato a casa con la sensazione di poter battere il Napoli?

    “E ‘vero ci ho pensato, ci sono stati alcuni minuti dove sembravano essergli superiore, ma gli ultimi 20 minuti, credetemi, sono stati molto, molto difficili. Abbiamo sofferto molto, anche se con Ibai abbiamo avuto la possibilità del 1-2.”
    A chi fa bene l’ 1-1?

    “Quello che so è che siamo tornati a casa con un piccolo vantaggio. Sapevamo che stavano per stringere. Veniamo con il sorteggio, che non è male.”
    Cosa manca per finire il lavoro?

    “Diciamo che dobbiamo evitare di ripetere i primi dieci minuti e gli ultimi quindici e imporre il nostro gioco. Nel secondo tempo siamo partiti bene, ma non potevamo segnare di nuovo.”
    Il Napoli è ancora favorito?

    “Ora come ora, no, ma sappiamo che la squadra ha dei grandi giocatori. Ora dobbiamo solo aspettare per vedere cosa succederà al San Mames, che può fare una grande differenza.”