Massimo Vignati: “Il mio sogno e che il Museo Maradona possa aver sede allo Stadio San Paolo di Napoli”

    La favola di Diego Maradona a Napoli e il Museo Maradona della famiglia Vignati ieri sera su Rai3 nel programma Ulisse, il piacere della scoperta, di Alberto Angela.


    “Ulisse” ha proposto un viaggio straordinario alla scoperta dei mille segreti di Napoli, e tra le storie raccontate c’è stata quella del campione argentino e del suo forte rapporto con i Vignati, una delle famiglie simbolo della città partenopea. Il compianto Saverio Vignati è stato per 30 anni custode dello stadio San Paolo, la moglie Lucia è stata per 7 anni la “tata” di casa Maradona e il loro figlio Massimo oggi porta in giro per il mondo il Museo Maradona della famiglia Vignati (l’unico riconosciuto dalla famiglia Maradona), protagonista di tante iniziative in aiuto dei più deboli, bambini e case famiglia. Massimo Vignati ha dichiarato:“Il mio sogno ma soprattutto di mio padre è che il Museo Maradona un giorno possa avere sede allo stadio San Paolo. E’ lì che papà ha raccolto i cimeli di Diego ed è lì che vorremmo collocarlo e farlo vedere a tutti gli appassionati, ai tifosi e ai turisti che vengono a Napoli. Insieme per i più deboli, la storia continua”: sono queste le parole che accompagnano la missione della famiglia Vignati, che ha rappresentato un punto di riferimento per il campione argentino nei suoi 7 anni napoletani e oggi, con l’impegno di Massimo, presidente del Club Saverio e Silvio Vignati, nel segno del Pibe de Ore scende in campo giocando altre “partite” importanti, quelle di chi lotta per la vita. Insieme a Massimo, sempre al suo fianco, c’è in questo straordinario percorso anche il fratello di Diego, Hugo “innamorato” di Napoli che ha scelto di vivere proprio all’ombra del Vesuvio.