Di Maria e Real Madrid ai ferri corti già ai Mondiali. E quella lettera strappata…

     

    Il nuovo acquisto del Manchester United ha rivelato che prima della finale dei Mondiali il Real Madrid gli inviò una lettera per proibirgli di scendere in campo.


     

    Il futuro di Angel Di Maria è stato una delle telenovelas dell’estate, quantomeno. Il Real Madrid non avrebbe voluto privarsi di uno dei suoi pilastri e l’esterno argentino non avrebbe voluto svestire la maglia blanca, ma i rapporti fra club e giocatore si sono via via deteriorati e alla fine è stata accettata l’offerta del Manchester United, che ha trovato la soddisfazione di tutte le parti coinvolte.

     

    A dimostrare come il rapporto fra Di Maria e il Real non fosse più idilliaco c’è anche un episodio accaduto durante la Coppa del Mondo giocata in Brasile quest’estate. Come raccontato dallo stesso giocatore durante il programma ‘America & Closs’, qualche ora prima della finale di Brasile 2014, dove l’Argentina contendeva alla Germania il titolo iridato, Di Maria ricevette una lettere dal Real Madrid in cui il club gli proibiva di giocare, per non aggravare le sue già precarie condizioni fisiche.

     

    “Intorno alle 11 del mattino, il giorno della finale, arrivò una lettera dal Real – ha raccontato Di Maria – nella quale il club mi chiedeva di non giocare. Io la strappai e non gli diedi seguito”. Di Maria, poi, non venne comunque mandato in campo dal CT Sabella e la finale terminò con la vittoria della Germania.

     

    A confermare quanto dichiarato da Di Maria, poi, sono arrivate anche le parole del segretario dell’Albiceleste Julio Grondona Jr. “La lettera era firmata da Florentino Perez – ha raccontato – Proibivano a Di Maria di giocare la finale. La decisione doveva essere presa da Di Maria e dai dirigenti della Nazionale, ma è chiaro che quella di Di Maria aveva un peso particolare. Fummo d’accordo con lui di strappare la lettera e non dargli peso”.

     

    Non avevo dubbi che Di Maria volesse giocare quella finale – ha proseguito Grondona Jr. – E credo che comunque Florentino Perez avesse già in testa allora di vendere Di Maria”. E quella lettera fu molto ‘dolorosa’ per Di Maria, che racconta: “Ho sofferto molto quella mattina prima della finale, è stato il momento peggiore della mia vita”.

     

    Goal.com