Maradona: “Per vincere gli azzurri devono sentirsi napoletani! ADL deve parlare di cinema, parlare dei giocatori spetta a Sarri!”

Maradona-blatter-platini

Sui canale di Piuenne, torna a parlare di Napoli, il D10S del calcio, Diego Armando Maradona. ecco le sue parole:

Sulle sue parole di inizio campionato…

“Non ho mai offeso Sarri, ho il massimo rispetto non oggi che ha fatto buoni risultati, ma da sempre. Prima non aveva lo spogliatoio in mano, oggi è diverso, perché chiunque scende in campo sa cosa vuole.”

Sul pareggio con la Fiorentina

“Il problema è stato il pareggio col Milan, lì dovevamo vincere, abbiamo perso un’occasione. Però dico di non paragonare questa squadra alla nostra, ieri ad esempio non ho visto un Napoli in grado di poter vincere, ma rispetto Sarri che ha creato una squadra degna che gioca bene al calcio”

Sul sentirsi napoletano:

I giocatori possono vedere la faccia del napoletano allo stadio, il napoletano vuole vincere, vuole il rispetto da chi li offende con cori e striscioni: ‘lavatevi’, ‘africani’. I giocatori lo devono sentire questo, noi abbiamo vinto perché lo sentivamo.”

Sulle parole di ADL sul 1,5 kilo e mezzo in più di Higuain

“Sono dalla parte di Higuain senza dubbio. Il presidente può parlare di cinema, ma parlare dei giocatori spetta a Sarri. De Laurentiis poteva risparmiarselo o dirglielo in privato”.

Su De Laurentiis

“Sì, sui giornali ho letto che De Laurentiis vuole parlare con me, ma l’ho visto 3-4 volte e non mi ha mai parlato di essere una bandiera del Napoli internazionalmente è sempre stato muto come un pesce. Spero di parlare con lui, sto a Dubai, a lui piace viaggiare e può passare un giorno qui per parlarne”.

Sugli acquisti mancati

Penso che si sarebbe potuto fare di più nel mercato di gennaio. Non ci sono i ricambi giusti come per le altre squadre. Sarri cambia i giocatori, ma si vede che c’è stanchezza e si rischiano infortuni. In panchina c’è difficoltà mentre la Juve segna con il quinto attaccante a disposizione”

Su Infatino

Infantino è un traditore e verrà fuori. Gli Stati Uniti non hanno chiuso l’inchiesta FIFA. Lui portava tutte le carte a Platini, a Blatter, e non sapeva nulla? Lui sta lì ora per difendere al suo capo Platini”

Se il Napoli dovesse vincere lo Scudett….

Io lavoro a Dubai, non sono in vacanza, ma sarebbe bellissimo vedere la gente festeggiare di nuovo uno Scudetto. Il Napoli non deve essere solo Maradona, i ragazzini vogliono vedere un titolo. Sarei il primo a festeggiare, ma se il presidente ci sta guardando mi manderà un invito”.

Sul restauro del suo murales

“Voglio ringraziare pubblicamente Iodice che l’ha realizzato. Mia figlia venne a Napoli per vederlo e non credeva ai suoi occhi”.

Nelle prossime tre giornate il Napoli può raggiungere la Juventus?

Ci sono tre partite non difficili e bisogna vincerle. La Juventus con mezzo tiro in porta fa due gol, l’abbiamo visto anche col Bayern. Chievo, Palermo e Genoa vanno battute, ma bisogna stare attenti. Sono queste sono le gare che danno lo Scudetto. Noi provavamo a chiuderle subito, perché se non lo fai velocemente, un pareggio con queste squadre ti complicava tutto sono le piccole a togliere gli scudetti..”

Quale azzurro apprezza di più?

Mi piacciono molto Allan e Koulibaly, ma se ne devo scegliere uno dico Mertens, ha tutto, dribbling, spirito di gruppo, tiro da lontano, Sarri dovrebbe farlo giocare di più”. 

Su Insigne

Lorenzo deve essere più protagonista, deve comandare l’attacco del Napoli, con i suoi movimenti apre le difese.”

Su Higuain

“Tutti ne hanno parlato, ma non è nervoso, questo nervosismo in campo, io non l’ho visto. Se lo fosse stato ieri non avrebbe segnato”

Sulla differenza tra Napoli e Juventus?

“Quelli che stanno in panchina, la Juve ha giocatori che possono entrare e aiutare, Sarri guarda la panchina e prova a tappare i buchi”

Sulla squadra

Devono continure così fino alla fine senza mai mollare.  La Juventus può cadere una volta, un calo lo possono avere e loro devono restare vicini”.