Il Corrsport dalla parte di Mancini «Sarri non ha offeso me ma tutte le persone che soffrono»

Oggi Tosel ferma Sarri. Mancini ribatte: «Offese troppe persone»

 

 

 

Oggi il verdetto di Tosel: multa a Mancini. L’accusa più grave però dovrebbe cadere.

Il corriere dello sport si  schiera dalla parte di Mancini, santificandolo all’altare dello share.

Il tecnico diJesi con il suo “chianto a Madalen” sta facendo appassionare milioni di Italiani  sui quali non ci pronunciamo per decenza!

Ecco cosa scrive Andrea Ramazzotti sulle pagine del Corriere:

Il telefono di Mancini ieri è stato rovente tutto il giorno e gli sono arrivate chiamate e sms di sostegno e di solidarietà da parte di amici, colleghi e tante persone del mondo del calcio. Qualcuno ha anche scherzato su quell’offesa che Sarri gli rivolto, ma il Mancio di sorridere non ne aveva per niente voglia. In mattinata ha diretto l’allenamento ad Appiano Gentile in un clima disteso perché l’affermazione di Napoli ha portato una ventata di entusiasmo a una squadra che ne aveva tremendamente bisogno e poi dopo pranzo se n’è andato via dalla Pinetina, deciso a staccare la spina e a trascorrere un pomeriggio insieme agli amici.

Lontano dai veleni del caso Sarri. Mancini non si aspettava un’offesa del genere, così personale, così omofoba, così discriminatoria.

Se il tecnico del Napoli avesse usato parole anche più offensive, ma non tanto discriminatorie, probabilmente avrebbe soprasseduto, lo avrebbe considerato “una cosa da campo” e non
avrebbe fatto il suo sfogo davanti alla tv. Anche Thohir si è informato: ha fatto sentire la sua presenza al tecnico e ha così certificato il rapporto stretto che lo lega a lui.