L’urlo di Gonzalo Higuain parte dal Bentegodi ed arriva fino all’Arena di Verona.

«non abbiamo mai sentito il Psg»

Verona – Nessun dorma. L’urlo di Gonzalo Higuain parte dal Bentegodi ed arriva fino all’Arena di Verona come quello del Principe Calaf nella notte magica della Turandot.

“All’alba vincerò”, il Pipita dopo un’ora di battaglia gira in porta potenza, classe e rabbia in un sinistro che fa venir giù il castello del Chievo mentre l’urlo del popolo azzurro si alza al cielo.

Il Gonzalo di Verona. Proprio in questo stadio, sempre sponda clivense, Higuain aveva segnato il suo primo gol con il Napoli in campionato due stagioni fa. Questo è un gioiello che vale e splende come un diamante perchè allunga la nostra striscia di perle.

I Guerrieri Azzurri vincono la quarta partita consecutiva in campionato, l’ultima volta era capitato a febbraio di quest’anno, 8 mesi fa. Ma i grandi numeri si estendono in maniera esponenziale: nelle 9 partite, tra coppa e campionato, il Napoli ha conquistato 8 successi ed un pareggio segnando la bellezza di 25 gol e subendone solo 3.

Adesso ci aspetta un mercoledì da leoni. Al San Paolo arriva il Palermo, una sfida che evoca la nobiltà del Regno delle due Sicilie.

Una città, un popolo ed una squadra che vibrano in una sola emozione. Sotto le stelle di Fuorigrotta per un’altra notte di infinita passione.