Luca Marchetti: Natale e mercato, Il Napoli e i primi colpi.

    gabbiadini_napoli

    Pensate che il Natale fermi il mercato??? Sbagliato… Il mercato non si ferma mai. Mai. Anzi sembra quasi che le squadre di serie A facciano apposta: sotto l’albero volevano mettere i doni per i tifosi! Eccovi accontentati allora!

    Ecco l’editoriale del giornalista Sky Luca Marchetti

    Le notizie arrivano principalmente da Milano. In rossonero in arrivo Cerci, in nerazzuro Lass Diarra. E pensre che Cerci è stato davvero vicino ai cugini. Ma alla fine l’idea dello scambio fra Atletico e Milan ha attecchito in Spagna ed è stato raggiunto definitivamente l’accordo fra società. Prestito di un anno e mezzo. Con una clausola: se Cerci dovesse essere venduto il Milan non può opporsi e si riprenderebbe Torres. Altra clausola: il Milan paga lo stipendio di Torres, Cerci continerà ad essere pagato dall’Atletico. Quindi nessuno paga in più nulla, rispetto a prima. Unico ostacolo alla chiusura definitiva della trattativa è proprio la volontà di Cerci che con Mancini aveva più di una promessa. Ma rimane difficile da credere che tutto possa saltare, arrivati a questo punto. Il Milan è sempre il Milan. E ci risulta che i contatti on Sergio Berti ci sono stati eccome, in questo periodo. La chiusura ufficiale potrebbe arrivare anche prima di capodanno.
    Anche la trattativa con Lassana Diarra e l’Inter prosegue spedita. Il giocatore è svincolato (è in causa con la Lokomotiv Mosca) e si sta allenando con il suo preparatore atletico (quello del West Ham). I dirigenti nerazzurri stanno valutando le condizioni fisiche del ragazzo (che farà 30 anni nel 2015): se tutto è ok l’Inte vorrebbe chiudere il tutto anche qui prima del nuovo anno. Trattativa in piedi anche per Lucas Podolski ritenuto l’elemento giusto per rinforzare l’attacco nerazzurro: operazione lowcost ma di altissimo impatto tecnico.
    Il Napoli chiuderà per Gabbiadini e Strinic, la Lazio che cerca un difensore valuta Terziev del Lodogorets e insieme alla Fiorentina segue i difensore olandese Hoedt (classe 1994), la Juventus non solo cerca un difensore centrale (Rolando, Chiriches e Dragovic i primi nomi sulla lista) ma anche un trequartista, mentre i contatti con Montoya riprenderanno dopo Natale. Il Palermo aspetta che il Crystal Palace alzi l’offerta per Lazaar, l’Empoli stringe per Cataldi, Atalanta e Torino si contendono Pinilla: ognuno ancora non ha giocato tutte le sue carte e non è detto che il Genoa lo molli (se non al giusto prezzo).
    Non vi basta? C’è anche il clamoroso no di Walter Zenga al Cagliari. Era stato lui quello chiamato per ereditare il post Zeman. Ma ha preferito non lasciare Dubai e le prospettive di lavoro che ci sono negli emirati. Non per lo meno a fronte di 5 mesi di contratto e il rinnovo automatico in caso di salvezza. Soluzione invece accettata da Zola, sardo doc. A lui il compito di risollevare il Cagliari. E a conti fatti la soluzione forse migliore: amato dai tifosi, allenatore di livello, nella sua terra non vorrà che far bene. In bocca al lupo!