lo spaevi che: il detto “quant’ e’ bello parigi” e’ riferito ad una brutta malattia

MA TU VIDE ‘NU POCO QUANT’ È BBELLO PARIGGE! NON E’ AMMIRAZIONE…

Di: Gabriella Cundari

 

La traduzione letterale “Ma guarda un po’ quanto è bello Parigi!” potrebbe ingannare il lettore: il “ma tu vide ‘nu poco = ma guarda un po” è un moto di rabbia o fastidio, equivalente a “Ma guarda un po’ quale brutto guaio!”

Tutto nasce da “parigi”, che non è la capitale francese, ma la lue o sifilide, di cui gli afetti si vergognavano e i Napoletani non nominavano col nome scientifico, ma la nascondevano dietro il nome della città, che è bella almeno quanto per antifrasi è brutta la malattia .

A Napoli si riteneva che sia il mal francese che morbo gallico) fossero stati portati e propagati ( nel 1494 circa) nella città, attraverso il contatto con le prostitute locali, dai soldati francesi al sèguito di Carlo VIII.


I francesi, però ci ricambiano con egual moneta: le mal napolitain, per loro, è quello che e le prostitute partenopee a diffusero tra i soldati carlisti.


lue, sifilide, ma anche vizio, corruzione;dal latino luem ‘imputridimento, decomposizione’;
sifilide dal latino scientifico syphilis, da di Syphilus, nome del protagonista del poemetto latino di G. Fracastoro “Syphilis, sive de morbo gallico” (1530).

Fonte: Raffaele Bracale, (modificato)

©RIPRODUZIONE RISERVATA