Lo sai perche’ si dice “Mannaggia ‘a culonna”

“mannaggia a culonn” o “mannagg’o sang ‘ra culonna”

Di : Francesco Pollasto
Con il termine mannaggia(male abbia) si inizia un’imprecazione contro qualcuno o qualcosa ma a Napoli si usa anche per imprecare contro una colonna (mannaggia ‘a culonna).
A questa famosa colonna è legato un aneddoto storico cominciato nel 1500. Nell’attuale Piazza Ottocalli era collocata da sempre una vecchia colonna di marmo di origini sconosciute, forse di epoca romana.
Il popolino era da sempre affezionato a quest’opera sconosciuta tanto da darle, a metà tra il sacro e il profano il significato di portafortuna. I parroci succedutesi nella vicina chiesa dedicata ai Santi Giovanni e Paolo , forse o senza forse approfittando della credenza contribuirono non poco ad far accrescere nei napoletani la venerazione della colonna , poichè alla stessa si attribuiva un particolare potere, quello di influenzare il tempo a seconda delle esigenze e delle preferenze del popolo.
Se i contadini volevano la pioggia per irrigare i loro campi secchi e aridi, il parroco recitava l’orazione alla destra della colonna. Se, invece, stanchi dell’inverno e del maltempo, il popolo voleva finalmente godersi il sole, il parroco recitava l’orazione alla sinistra della colonna. Questa tradizione andò avanti per parecchi anni, fino a quando l’Arcivescovo Annibale di Capua, nel 1590, preoccupato per le troppe credenze popolari e per l’aspetto troppo profano delle stesse, ordinò con un provvedimento ecclesiastico, l’abbattimento della colonna e la fine di ogni altra leggenda legata ad essa.
Questa decisione gettò per alcuni anni nello sconforto il popolo, abituato oramai ad affidarsi alla colonna propiziatoria per ogni evenienza, non solo climatica. Uno sconforto che lo portò a coniare un’espressione, anche in questo caso a metà strada tra la citazione folcloristica e la bestemmia.
Ogni qual volta, infatti, un determinato evento non andava come il popolo sperava, che fosse il sole, la pioggia o altra previsione, e attribuendo alla mancanza della colonna la cattiva riuscita dell’auspicio, il popolo esclamava: “Mannaggia a culonna!”
Fonte:Pulcinella291-forum Le grandi famiglie di Napoli-feltrinelli editore