L’italia del Nord ha deciso: non vuole il nome di Ciro negli stadi

    CHIEDIAMO TUTELA PER I NOSTRI TIFOSI, BASTA DISCRIMINAZIONI LA SSC NAPOLI SI FACCIA SENTIRE NELLE SEDI COMPETENTI

    Di: Francesco Pollasto

    “Darò messaggi di pace finché av fiato” A.Leardi

    Dopo il rifiuto di esporre lo striscione “Ciro vive ” da parte dell’ Udinese, oggi e’ la volta del Verona.

    E’ stata negata ai tifosi azzurri l’autorizzazione ad entrare ed esporre striscioni inerenti Ciro.

    L’autorizzazione era stata chiesta dall’ associazione benefica “ciro vive” fondata da Antonella Leardi mamma del ragazzo ucciso da un socioparico ultras della Roma.

    L’intero nord Italia sta mostrando il suo vero volto, “Ciro non deve  vivere”, e’ questo il loro motto.

    Nessuno si interroga su De Santis?, nessuno ne parla , un omerta’ collettiva che fa comodo a tutti, uno schifo tutto Italiano, sembra quasi che il nord voglia punire ulteriormente la memoria del ragazzo, reo forse di essere Napoletano?, mentre i loro paladini, gente alla Salvini, scende al sud come Annibale, cavalcando elefantiache bugie, e vengono  a “salvarci”.

    Onestamente sono stanco di questo modo di essere italiano, uno striscione esposto in tutti i campi d’europa, per simboleggiare la pace e non la guerra, in Italia nn passa.

    Vi allego la mail  che ho ricevuto da Ciro M. un grande appassionato del Napoli

     

    … HANNO MESSO IN VENDITA I BIGLIETTI L’ULTIMO GIORNO X NOI … HANNO VIETATO LA TRASFERTA ANCHE AI POSSESSORI DI TESSERA DEL TIFOSO RESIDENTI IN CAMPANIA …MA HANNO APERTA AI NON TESSERATI RESIDENTI FUORI DALLA CAMPANIA (FALLIMENTO TOT DELLA TDT) ..POI ABBIAMO FATTO RICHIESTA (GLI AMICI DI NAPOLI DELL’ASSOCIAZIONE CIRO VIVE ) X L’AUTORIZZAZIONE DELLO STRISCIONE E NON È STATA ACCETTATA … NON CE LA FACCIAMO PIÙ NESSUNO CI TUTELA E SE FACCIAMO CASINO CI DASPANO !..