Lazio, cori razzisti contro Cannavaro e i Napoletani

     

    «Lavali col fuoco, o Vesuvio lavali col fuoco». È ancora lo stadio Olimpico lo scenario dei vergognosi cori contro i napoletani, intonati questa volta dagli ultrà della Lazio.

     

    È il 22’ del secondo tempo della sfida Lazio-Sassuolo quando dalla Curva Nord parte il solito coro offensivo. Il bersaglio è l’ex capitano del Napoli Paolo Cannavaro, che un minuto prima ha steso il laziale Antonio Candreva, rimediando un cartellino giallo. Il comportamento dei supporters biancocelesti, secondo il nuovo regolamento entrato in vigore da questa stagione, sarà punibile solo con sanzioni pecuniarie.

     

    Il Mattino