Ecco l’arroganza della Juve: si intromette tra ADL e i napoletani

l'arroganza della juve

L’arroganza della Juve

Pochi minuti dopo le parole di De Laurentiis, è apparso il tweet della Juventus che raffigura i nuovi acquisti accompagnato dalla didascalia «Ricapitolando…». Il club bianconero ha smentito che ci sia un nesso tra le due cose e che si tratti solo di una coincidenza, ma la successione dei due post resta perlomeno curiosa, e palesa tutta l’arroganza della Juve.

Di: Francesco Pollasto

Due sono le certezze di questo mercato l’assenza di un numero 9 al Napoli e l’arroganza della Juve.

De Laurentiis ha voluto parlare ai Napoletani, lo ha fatto ieri dalla radio “ufficiale” il presidente  tra le tante cosa ha detto: “Credo che in prospettiva siamo il club che s’è rinforzato di più: in Europa nessuno ha fatto i nostri acquisti a centrocampo”.

PROSETTIVA, la parola tanto cara a De Laurentiis questa volta non l’ha udita nessuno, anzi le parole del massimo dirigente azzurro hanno avuto la capacità di stimolare tutta l’arroganza della Juve, infatti pochi minuti dopo le parole di ADL, appare sul profilo Twitter dei bianconeri una foto con i nuovi acquisti e la scritta: «Ricapitolando…»

Ovviamente la Juve sentiva la necessità di dimostrare che è la regina del mercato, che ha indebolito le dirette concorrenti Napoli e Roma su tutte, e quant’altro la stampa ci ha proposto quest’estate.

Ricapitolando, ricapitolando, si può anche capitolare, scendere nel populismo becero tanto caro alla stampa settentrionale, che ama questo genere di cose, ci sguazza, i campionati si vincono anche mediaticamente e loro su questo sono bravi.

Al presidente imputiamo solo di non aver portato a Napoli un giocatore a cui affidare la numero 9, se solo ADL fosse riuscito nell’impossibile: portare Cavani!, cosa avrebbero scritto i black and white? non osiamo immaginarlo.

Ma purtroppo non è così. Noi restiamo con i nostri giovani e le nostre prospettive e tutto l’amore possibile,  mentre loro restano con i \campioni e tutta l’arroganza di cui sono i re indiscussi.