Gazzetta: La voce del padrone tace, i tifosi attaccano le istituzioni calcistiche, domenica protesta al San Paolo

VOCE DEL PADRONE

LA VOCE DEL PADRONE, I TIFOSI PREPARANO LA PROTESTA

I tifosi del Napoli non sono impazziti, sono stanchi, e se questo per la gazzetta si tramuta in atteggiamenti ingiustificati, possiamo capire il perchè evidentemente LA VOCE DEL PADRONE non vale solo per Giuntoli.

 

C’è solo la voce del padrone

Nel Napoli c’è solo la voce del padrone, titola la gazzetta, ormai protagonista indiscussa, di questo campionato, oggi  Mimmo Malfitano, parla di offese , disdette, proteste etc.

Il silenzio della società, dopo la sentenza di Tosel, è stato inquietante, De Laurentiis è alle Maldive (da dove ha parlato telefonicamente con l’avvocato Grassani), mentre il d.s. Cristiano Giuntoli non ha il potere per intervenire: a lui spettano soltanto le questioni di mercato. Per tutto il resto, c’è solo la voce del padrone.

I tifosi reagiscono

Già lunedì, dopo la nostra anticipazione sul provvedimento del giudice sportivo, la protesta s’era subito elevata in città. Ieri si è estesa a macchia d’olio: gli attacchi alle istituzioni calcistiche sono stati compatti, i social network sono stati inondati di messaggi di protesta, di offese, in tanti hanno deciso di disdire gli abbonamenti alle pay tv, ritenendole di parte e di adottare due pesi e due misure nel giudicare gli episodi di Napoli e Juve: solo un’anteprima della protesta che ci sarà domenica, al San Paolo.