La Gazzetta: Una cena fra De Magistris e De Laurentiis ha sancito l’ok per la ristrutturazione dello stadio San Paolo

Stadio San Paolo: intesa sindaco-società Ma servono soldi

Nuovo Stadio San Paolo.

Martedì sera a Roma si sono riuniti attorno a un tavolo il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, il dirigente azzurro Alessandro Formisano, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris e il capo di gabinetto del Comune Attilio Auricchio. Un incontro che è servito a deporre l’ascia di guerra tra le parti e a chiarire che il progetto per la ristrutturazione dell’impianto di Fuorigrotta è pronto. De Laurentiis, dunque, presenterà lo studio di fattibilità entro i termini fissati dal Comune (scadenza ultima il 30 maggio). Poi verranno espletate tutte le procedure burocratiche del caso e la ristrutturazione del San Paolo scatterà immediatamente. Certo, bisognerà trovare i fondi. Aspetto quest’ultimo non secondario.

Stando al progetto che il club azzurro ha mostrato, i lavori saranno svolti chiudendo un settore alla volta, così da poter giocare regolarmente le gare casalinghe a Fuorigrotta .
Con ogni probabilità, verrebbe eliminata la pista di atletica mentre è già stabilito che bisognerà sostituire tutti i sediolini. Una volta ristrutturato, il San Paolo dovrebbe inoltre ospitare gli uffici, lo store ufficiale del club e un ristorante.