La gazzetta: Insigne, l’incubo è finito. Ritrova il Napoli dopo 4 mesi

Da pochi giorni è di nuovo papà, la sua carriera riparte da Verona:

ginocchio ok, oggi panchina, potrebbe giocare la prossima con l’Atalanta

 

Gli è bastato leggere il suo nome nella lista dei convocati, affissa sulla porta dello spogliatoio di Castelvolturno, per convincersi che il peggio è ormai passato. Oggi pomeriggio, Lorenzo Insigne siederà in panchina, al fianco di Rafa Benitez, al Bentegodi. Probabilmente, vi resterà per tutta la durata della partita. «Ha lavorato tantissimo con il fisioterapista, è un capitale importante, per il Napoli, ha un  grande futuro ed io dovrò gestirne il rientro.

Lui ha tanta voglia di giocare, ma l’intensità della grande competizione arriverà.
Lo porto a Verona per farlo stare con noi», ha detto l’allenatore spagnolo, intervenendo a KissKissNapoli e spiegando il motivo della prematura convocazione del ragazzo. In panchina, dunque, ma con pochissime possibilità di subentrare, anche perché il momento è delicato e agli avversari non si può concedere nulla.

Con lui, il Napoli ritroverà l’uomo migliore nell’uno contro uno, il giocatore in grado di dribblare gli avversari e creare la superiorità numerica. Insomma, il futuro potrà essere tutto suo, il momento gli è propizio, perché oltre alla convocazione, è diventato papà per la seconda volta: dopo Carmine, che oggi ha due anni, giovedì è nato Christian.