La Gazzetta: Callejon, Gabbiadini e Higuain come la Ma.Gi.Ca.

LA FORMULA MA.GI.CA FECE SOGNARE IL S.PAOLO.

Ma.Gi.Ca nasce dalle iniziali dei tre.

 

Come la Ma.Gi.Ca? Bè, lavorando un po’ di fantasia l’accostamento potrebbe anche starci. Con le dovute differenze, e non si offenderanno Callejon, Gabbiadini e Higuain se in qualche modo verranno evidenziate.

Resta, in ogni modo, il fascino dell’accostamento, di un paragone che rimette in gioco un trio del passato, fatto di fuoriclasse. Maradona- Giordano-Carnevale o Careca:
scegliete voi, tanto entrambi i tridenti fanno parte del periodo più bello della storia del Napoli.

CA-GA-HI Ricordi, certo, che riaffiorano alla mente guardando il Napoli attuale, questa squadra che è ritornata in Europa e sta attrezzandosi per mettersi alla pari di Juventus e Roma. Un’illusione? No, affatto, perché l’ambiente ci crede eccome, forte del lavoro di Rafa Benitez e della presenza di giovani talenti, prossimi a scrivere una nuova storia da tramandare ai posteri.

E forte pure di un tridente offensivo che sbalordisce per la propria concretezza sotto rete. In tre, hanno segnato, finora, 30 reti: Callejon (9), Gabbiadini (9) e Higuain (12) sono l’equivalente della Ma.Gi.Ca. di allora.

Con le debite proporzioni, certo, come spiega Bruno Giordano: . «Mi piace questo accostamento, ma il nostro attacco era tutt’altra roba. E non perché ci fossi io. Noi avevamo Diego Maradona e, credo, che non debba aggiungere altro. E poi, dopo il primo scudetto arrivò pure Careca. Devo dire, però, che anche il tridente attuale è ben assortito».