Joan Capdevila: Restai colpito dal San Paolo, da allora tifo Napoli

Capdevilla: la passione del San Paolo non la dimenticherò

Restai colpito dal San Paolo, da allora tifo Napoli. L’ex mondiale Capdevila: verrò al San Paolo per assistere alla sfida-show contro la Juve

Joan Capdevila, ex difensore di Deportivo La Coruna e Villareal, ricorda intensamente soprattutto il quarto di finale dell’Europeo 2008. Componente della spedizione spagnola campione d’Europa quell’anno e campione del mondo nel 2010, Capdevila esalta i suoi connazionali azzurri Callejon e Reina e rivela una grande simpatia verso il Napoli.

 

Reina torna in Nazionale le piace?

«Senza dubbio.Pepe non è solamente un grande portiere ma anche un uomo spogliatoio eccellente, un leader dentro e fuori dal campo. Per questo la sua convocazione non mi stupisce. Con lui ho avuto la fortuna di condividere le splendide esperienze dell’Europeo 2008e del Mondiale 2010 e so quanto può aiutare i giovani a inserirsi ed apprendere fiducia».

Che ne pensa, invece, del ritorno in nazionale dell’altro azzurro Callejon?

«Se è qui è perché se l’è meritato. Il suo rendimento nel Napoli è elevato ed è giusto che abbia la sua opportunità. Callejon è cosciente che facendo bene in Italia potrà tornare a vestire la maglia della Roja».

Era dai tempi di Luis Suarez che uno spagnolo non segnava tanti gol in Italia.

«Questo la dice tutta sull’eccellente stato di forma di José,che spero faccia bene con la Spagna. Inoltre, lui è un titolare indiscutibile nel Napoli, una squadra che seguo molto e perla quale simpatizzo».

Davvero?

«Assolutamente. L’idea di gioco di Sarri, propositiva e virtuosa,è quasi unica in un campionato tattico come quello italiano dove è difficile imporsi».

Da dove deriva questa sua simpatia per il Napoli?

«Da quando disputammo l’andata dei sedicesimi di Europa League nella stagione 2010-2011. Al San Paolo finì 0-0 ma ricordo la passione del pubblico di casa. L’ambiente di quella notte era qualcosa di magico».

Crede che il Napoli possa giocarsi le sue carte in Italia e in Europa?

«Il Napoli è ormai una grande squadra.Domenica scorsa ha perso ma resta la principale rivale della Juventus nella lotta scudetto e spero vivamente che questo possa essere l’anno buono per vincerlo».

Potrebbe magari tornare al San Paolo ad assistere a qualche incontro.

«Sarei felice di vedere dal vivo il prossimo Napoli-Juventus, soprattutto dopo la partenza di Higuain e tutte le polemiche che ne sono scaturite.Credo che sarà uno spettacolo incredibile e cercherò di esserci»