Inzaghi: “Non siamo ancora alla pari della Juve!”

    Filippo Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell’anticipo del turno infrasettimanale tra Empoli e Milan.


    Dopo la sconfitta casalinga rimediata contro la Juventus, in casa Milan l’imperativo è rialzarsi e tornare a correre. Filippo Inzaghi e la sua squadra hanno l’opportunità, contro l’Empoli, di ritrovare il feeling con la vittoria. Il tecnico rossonero è intervenuto in conferenza stampa.

    Massimo rispetto per l’avversario di domani, i toscani allenati da Sarri: “L’Empoli ha fatto tre ottime partite, sappiamo bene che ci aspetta un impegno difficile. Contro la Roma non meritava di perdere, motivo per il quale non possono essere sottovalutati. Corrono e fanno delle belle ripartenze, è una partita insidiosa. Noi però siamo il Milan, siamo pronti e carichi e stiamo attraversando comunque un momento positivo“.

    Tornando alla partita di sabato scorso contro la Juventus, nessuna voglia di commentare le parole diBerlusconi: “Da quando c’è il Milan le frasi del presidente non si commentano, è stato comunque contento dello spirito della squadra. Sono il primo che avrei voluto regalargli la vittoria contro la Juventus. Penso però che lo spirito ed il sacrificio della squadra vadano apprezzati, era troppo pretendere di giocarsela alla pari con una squadra che ha l’obiettivo di vincere la Champions League”.

    Inzaghi però ha qualcosa da dire a Rizzoli, rivendicando un calcio di rigore per il fallo su Menez: “Non dimentichiamo però che il Milan ha tirato 3 volte in porta e la Juventus cinque. Magari ci fosse stato dato il rigore che c’era a cinque dalla fine ci avrebbero detto che potevamo anche vincere lo Scudetto“.


    Era troppo pretendere di giocarsela alla pari con una squadra che ha l’obiettivo di vincere la Champions League


    Nessuna indicazione sulla formazione che scenderà in campo, ma ci sarà qualche novità nell’undici iniziale: “Ho una rosa che mi consente di vedere se qualcuno è stanco e di cambiare eventualmente qualche elemento dell’undici iniziale. Dall’inizio del campionato abbiamo già acquisito qualche certezza, il campo domani dirà se abbiamo preparato bene anche questa partita, ma sono molto fiducioso. Non sono ancora riuscito bene a capire chi ha recuperato e chi no, ho qualche dubbio, ma qualche elemento fresco lo proverò“.

    Quasi certo che le due novità saranno Torres e Van Ginkel: “Torres e Van Ginkel stanno bene, Fernando è entrato in campo col piglio giusto, mi è piaciuto. Adesso mi sembra pronto e valuterò il modo migliore per utilizzarlo. A Van Ginkel ho voluto dare il tempo di ambientarsi, ma anche lui mi sembra pronto a poter fare il suo debutto in campo. Lo abbiamo preso perchè pensiamo che ci possa dare una buona mano. Non dimentichiamoci però che come attaccanti abbiamo anche Pazzini e Niang, ci sarà spazio per tutti“.

    Pippo è soddisfatto della prestazione di El Shaarawy contro la Juventus, probabilmente il Faraone sarà titolare anche contro l’Empoli: “El Shaarawy ha avuto come unico problema quello di dover stare fermo circa 10 giorni durante la pausa delle nazionali, la settimana prima della Juventus si è allenato bene e per questo motivo l’ho fatto giocare come titolare, mi è piaciuto. Alla lunga l’ho dovuto togliere perchè gli sono venuti i crampi. Sono però convinto che ritroverà in fretta la sua buona condizione fisica“.


    Ci fosse stato assegnato il rigore su Menez, che c’era, staremmo qui a parlare di un Milan da Scudetto


    La Champions 2016 a Milano stuzzica la fantasia dei tifosi. Inzaghi intanto spera di potersi qualificare con la sua squadra per la prossima edizione della competizione: “Speriamo possa essere di buon auspicio per il Milan, noi ce la metteremo tutta per poterci qualificare alla prossima edizione della competizione. Vogliamo dare continuità ai nostri risultati“.

    Sugli infortunati di lungo corso ci sono novità positive solo per Alex: “Alex sta bene e sarà pronto per la prossima partita di campionato. Discorso diverso invece per Diego Lopez e per Saponara“.

    Fonte:goal.com