HIGUAIN «Lo scudetto?? Dipende da noi»

«Juve-Napoli, è la partita alla quale tutti vogliono partecipare Bisogna essere tranquilli e restare con i piedi per terra»

Il re è nudo

Il re è nudo

Le dichiarazioni del Pipita Higuain a due giorni dalla gara con la Juventus. L’attaccante azzurro, è sereno, forte della sua esperienza.

Scrive Antonio Giordano sul Corriere dello sport:

Il re è nudo: e in quella sua capacità di svelarsi completamente, nell’espressione lieve di chi trasforma un evento in banalità, perché tante ne ha vissute ed altrettante ne vuole
attraversare, c’è il segreto per domare la tensione e la soluzione per indirizzare l’energia utile per lanciarsi in Juventus-Napoli:

«Sono dieci anni che gioco al calcio, so che questa è una gara  a cui tutti vorrebbero partecipare».


Si scrive Higuain, anzi s’ascolta el Pipita che si confessa al Tg1 delle venti, e si viaggia a ritroso e però anche nel futuro, andando a scovare in ciò ch’è stato il suo passato tra il River Plate ed il Real Madrid e la Nazionale argentina e in quello che potrà essere questo Napoli griffato con solennità, ventiquattro reti in altrettante partite, ma soprattutto un triennio (circa) che gli è bastato per arrivare a settantanove gol: «Però io non voglio fermarmi».

L’Higuain che per Buffon è «il crack» viaggia su cifre inavvicinabili, segna a ritmo infernale  in media uno a partita da sei domeniche esulta e trascina Napoli verso quel sogno che riconduce a Diego Armando Maradona, molto più che un mito, praticamente un dio calcistico.
«Ed eguagliare lui, o anche semplicemente avvicinarlo, sarebbe magnifico. Io voglio continuare a far gol, perché ciò significherebbe arrivare il più in alto possibile».

«Bisogna essere tranquilli, controllando l’euforia che è intorno e restando con i piedi
per terra».

lo scudetto? «Dipende da noi».